Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

03/02/15

Sentirsi sbagliati

Fiona_Watson

Una vita intera passata a sentirsi sbagliati potrebbe dipendere dall'aver conosciuto numerose persone sbagliate. A scuola avrebbero dovuto insegnarci a distinguere l'umiltà dall'autoflagellazione, l'autocritica dall'autocommiserazione, l'essere niente agli occhi di qualcuno dall'essere nullità a priori. Davvero, chi ha stabilito che imparare la grammatica sia più utile rispetto alla possibilità di imparare a vivere?

Immagine di Fiona Watson

6 commenti:

  1. Vero, bisognerebbe imparare la grammatica della vita.

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Le emozioni cambiano, non tutto è sbagliato, qualcosa di positivo c'è sempre basta saperle vedere nel verso giusto. Oggi c'è il sole.
    Un abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina
  3. Bellissimo post. Posso condividerlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e mi chiedi il permesso? Comunque, ti ricordi che tanti anni fa mi hai parlato proprio di questo? Del fatto che a scuola dovrebbero insegnare a vivere. Sei tu che mi hai messo questo tarlo in testa :D

      Elimina
  4. Figuriamoci! A scuola spesso non riescono nemmeno ad insegnare la grammatica e la matematica... tu ti fideresti a farti insegnare la vita da costoro?
    Purtroppo la vita non ha un manuale di istruzioni per l'uso e si deve imparare da soli sbattendo la testa qua e là e a volte dopo avere sbagliato si impara... il problema è che è sempre troppo tardi.
    Coraggio!

    RispondiElimina
  5. Quante cose Zucchero mio bisognerebbe imparare che non ci insegnano se non indottrinarci spesso con nozioni che servono a ben poco.Ci pensa la vita a farci camminare alla meno peggio, che ci piaccia o meno...
    Ti stringo forte!

    RispondiElimina

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger