Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

21/02/15

50 sfumature di yogurt scaduto

50-sfumature-di-grigio

Come sono felice! Mi son liberata da due esami e me ne manca solo uno per questo semestre, che è pratico, ciò significa che devo solo sgobbare ma non andar fuori di testa per memorizzare quintali di roba in tempo record. Quindi, i miei neuroni possono ufficialmente andare in vacanza fino a marzo. Gioia! Giubilio! Mentre attendo che Illustrator finisca di riflettere, (il mio pc è molto riflessivo e, ogni volta che faccio qualcosa, Illustrator si blocca e si prende del tempo per meditare sui massimi sistemi) posso raccontarvi qualcosa di scemo, come di consueto.

Ho una novità scema fresca fresca: ho visto 50 sfumature di grigio. Non sono pazza e non ho deciso di dedicare il mio tempo ai film meno fortunati in stile Madre Teresa, è che mi addormento guardando cose poco impegnative. Tipo Suspiria, Doraemon, la Sindrome di Stendhal, Sailor Moon, It, Nightmare, Gremlins. Cose del genere. E' la mia ninna nanna. Siccome avevo già sentito parlare malissimo del libro, ero certa che il film 50 sfumature di grigio sarebbe stato dello stesso spessore psicologico di Cip e Ciop.

Ebbene, non mi sbagliavo. Nonostante il trailer promettente, si tratta di un film scemotto, non erotico e nemmeno interessante, e i personaggi hanno la consistenza psicologica di uno yogurt scaduto. L'autrice (o il regista, non avendo letto il libro non so chi dei due abbia fatto più danni) ha mischiato delle cose che tra loro non c'entrano proprio niente. La confusione che fa tra bdsm e problemi di controllo dell'aggressività, tra uomo che vuol rispettosamente divertirsi e uomo psicotico che sfoga le sue piccole irritazioni sculacciando alla cazzo, tra donna vergine che non conosce il sesso e rincoglionita che non è capace di gestire la propria vita, beh.. tutte queste cose, generalmente, non sono due facce della stessa medaglia come la storia fa credere, ma stanno praticamente agli antipodi.

Provando ad immaginare che 50 sfumature di grigio sia contraddittorio per scelta, che l'autrice o il regista abbiano deciso di rivoltare il concetto di bdsm come un calzino e creare due personaggi estremamente originali nel loro essere patetici, ci sono riusciti male. Perché uno che sta lì a sottolineare che puoi andartene quando vuoi e che tutto ciò che fa deve essere assolutamente consenziente, uno che tramite la sua abilità di approccio con l'essere umano riesce ad essere il grande capo di una grande azienda, è per forza uno col cervello a posto, non può improvvisamente impazzire e sculacciarti solo perché non gli piaceva la faccia che hai fatto. Dall'altro lato, una che decide di rimanere vergine oltre i 20 anni in quanto non ha mai trovato quello che le piace veramente, deve essere una con un grande autocontrollo e anche parecchio schizzinosa, per cui non può non capire che se lui è ossessionato dall'idea di far male e a lei non piace beccarsi frustate, non hanno proprio nulla da spartire. Siamo proprio alle basi, visto che sei una figa di legno non puoi di certo tuffarti a pesce in direzione di qualcuno che sai essere incompatibile con te, sarebbe contro la tua natura. E lei non solo non lo capisce, ma chiede a lui di farle male per poi offendersi e scappar via piagnucolando. Ma sei cretina? Ma chi è quell'imbecille che ti ha creata, ragazza mia?

Comunque, la gente ha qualche problema. Ho letto che durante la proiezione del film, al cinema hanno iniziato tutti ad accoppiarsi come conigli e a masturbarsi. E allora se vedono un porno che fanno, corrono in strada nudi ed iniziano a trombarsi i monumenti? E ho letto anche che, pagando la modica cifra di 12 mila dollari, si può diventare Anastasia per un giorno, con un Christian Grey tutto per sé disposto a portarti a spasso in elicottero e a frustarti come dio comanda. E io ho pensato che doveva essere una bufala, perché è da pazzi pagare 12 mila euro per qualcosa che molta gente farebbe volentieri gratis. E invece è vero e hanno già comprato 50 biglietti.
50 biglietti da 12 mila euro ciascuno.
Per un gigolò.
12 mila euro.
...

Ci hanno già fatto la parodia, guardate che carina! Si chiama 50 sfumature di Earl Grey.


Ah, dimenticavo. Se per caso a qualcuno di voi fosse piaciuto 50 sfumature di grigio, oltre a farvi i miei complimenti per il cattivo gusto vorrei consigliarvi un libro che avevo letto anni fa e nel quale ci sono torture e abusi sessuali inseriti in una trama scadente, dove i personaggi sono stupidi e privi di senso, proprio come piace a voi. Il libro in questione si chiama "La notte dei vampiri" di Nancy Kilpatrick.

Illustrator ha finito di riflettere, torno a sgobbare. Buone frustate psicotiche a tutti.

6 commenti:

  1. Vedo che non sono l'unico ad aver massacrato quello che il sergente maggiore Hartman definirebbe "pezzo informe di materia organica anfibia comunemente detta merda!" :)
    Comunque a tutti i conoscenti (li definisco conoscenti perchè uno che va a vedere un film del genere non con l'intenzione di farsi due risate ma con la pretesa di andare a vedere un capolavoro non può essere mio amico) che sono andati a vedere questo film ho consigliato you porne: costa meno, le trame sono meno stupide e si vede di più.
    Diciamo che i gusti son gusti và :)

    RispondiElimina
  2. La bellezza ha sempre il suo fascino, anche in bianco e nero.
    Maurizio

    RispondiElimina
  3. Per soli 1.200 euro io porto gli aspiranti masochisti (maschi) a fare un giro in autobus nell'ora di punta (borseggiatori esclusi dal prezzo) e pesto loro i piedi con gli anfibi, ma se preferiscono i tacchi a spillo per me va bene

    RispondiElimina
  4. Ti confesso che sono molto combattuta. Ho l'intera trilogia in casa (mi è stata regalata. No, non è uno scherzo. Giuro, una persona mi ha regalato l'intera trilogia. A me. A me cazzo) ed ero indecisa tra il leggerla e il donarla (a chi?).
    Non avendo tempo è lì parcheggiata da mesi. Ora, uscito il film, mi è partita la sega mentale sull'influenza che, la trilogia, può avere sulla percezione della relazione di coppia e delle storie d'amore. Sono spacciata.

    RispondiElimina
  5. Io ed una mia amica ci siamo messe d'accordo di guardarselo a casa(aggratis) tanto per farsi 4 risate XD

    RispondiElimina
  6. ..caspita pero.. quando manchi si sente.
    M.

    RispondiElimina

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger