Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

30/11/14

Fotografia surreale ispirata alle foreste lituane

Raggana si considera una strega-fotografa. E' nata e cresciuta in Lituania ed il suo lavoro evoca l'atmosfera surreale delle foreste nordiche nei cui paesaggi vengono inseriti sapientemente animali, persone ed oggetti.
raggana-fotografia-sureale-ali-donna-lituania
"La natura che da sempre mi circonda ha nutrito una fervida immaginazione e la capacità di vedere le cose più in profondità rispetto all'occhio umano medio. E' in questo modo che è nata la mia fotografia, ed i personaggi che la popolano rappresentano le mie riflessioni."
Raggana
raggana-fotografia-sureale-lituania
"Il mio lavoro non si riferisce al miraggio del qui ed ora. E' piuttosto un'illusione ottica, invisibile, ma sensibile. Ogni ritratto è un piccolo messaggio per il mondo. Un messaggio che invita ad aprire gli occhi e a creare immagini con tutti i nostri sensi umani."
Raggana
raggana-fotografia-sureale-acqua-donna-lituania
raggana-fotografia-sureale-foreste-lituania
raggana-fotografia-sureale-donna-calva
raggana-fotografia-sureale-foresta-alberi-lituania
raggana-fotografia-sureale-donna
raggana-fotografia-sureale-gufo-barba
raggana-fotografia-sureale-lituania-barba-gufo
raggana-fotografia-sureale-foresta-alberi-donna-colomba
raggana-fotografia-sureale-uomo-lupo-lituania
Potete trovare altre fotografie di Raggana sulla sua pagina facebook e su 500px.

20/11/14

L'angolo del plagio ♥ Più morgane per tutti

Stamani la gente si è svegliata, ha acceso il pc e si è ritrovata davanti uno scenario un po' inquietante in cui la mia faccia compariva ovunque insieme agli hashtag #adottaanchetuunamorghina, #siamotuttiunpomorghini e #oggimisentolamorganite.
E così, in molti mi hanno chiesto, allarmati:
- Ma che succede? Perché tutta quella gente ha la tua faccia come immagine profilo?

Avrei tanto voluto rispondere che, un po' come l'Apocalisse, prima o poi arriva il Morganaday, il tanto temuto giorno in cui l'incubazione del virus Morganite fa sì che ognuno si trasformi in una Morgana vera e propria, causando la distruzione del pianeta.

Ma le cose non stanno così, le cose sono sempre molto più ridicole di ciò che uno possa immaginare. Ora vi spiego.
Ieri un ragazzo mi ha segnalato questa cogliona:
Si tratta di una certa Jessica Love Flirotti che potete trovare a questo indirizzo. Nessuno sa spiegarsi perché lei stia utilizzando la mia faccia come immagine del profilo, soprattutto considerando che quella foto, nella quale sto facendo l'idiota imitando Mercoledì Addams mentre brucia i pellegrini, è appunto una foto idiota. Qualcuno le fa anche i complimenti e lei ringrazia sorridendo:
jessica-love-flirotti
Inoltre, ad un certo punto si lamenta del fatto che è ingrassata a causa della morte della nonna ed è per questo che non carica foto più recenti:
jessica-love-flirotti
Così, inizialmente abbiam pensato che sarebbe stato divertente se Massi l'avesse contattata fingendo di corteggiarla, chissà, magari ci avrebbe parlato di lei inventando qualche altra cosa. Ma lei non se l'è cagato di striscio e così Thelma ha proposto di metterci tutti la mia faccia come foto profilo, perché siamo tutti un po' morghini e perché sarebbe stato divertente contattarla in tante, tutte con la stessa faccia. Chiara sosteneva che avremmo potuto accoglierla come una di noi e magari avrebbe pensato di avere le allucinazioni, chissà.

Ecco il motivo per cui ci sono diverse facce morgane in internet, oggi. Quindi lo scenario è più o meno questo:
morgane

E niente, Thelma ci ha scritto un post, peraltro sintetizzando in modo abbastanza fedele gli effetti della Morganite. La nostra amica Jessica continua a non cagarci, temo che ci toccherà segnalarla senza neanche poterla perculare un po'. Sigh.

17/11/14

Il piedistallo dell'aggettivo succulento

la-mia-finestra

Dove ero rimasta? Oh, al mio nuovo smartphone. Siccome ho la memoria a breve termine, non ricordo esattamente di quali succulenti novità volevo parlarvi. Non che piovano radiose novità come se fossi Lady Fortuna 2014, s'intende, ma avevo deciso di ergere sul piedistallo dell'aggettivo succulento alcuni accadimenti, giusto per darmi un tono. Chiaramente mi son dimenticata quali e, in questo momento, il mio piedistallo mentale è vuoto.

Ma riempiamolo a caso.

1. Ho fatto la locandina del cortometraggio "Buffalo death mask" di Mike Hoolboom che ha partecipato al Sicilia Queer filmfest e... ha vinto! Eccola qui:
buffalo-death-mask-mike-hoolboom

2. Sto partecipando ad un concorso grafico per la cantante Kiesza con un'illustrazione che dovrà essere lo sfondo del suo sito. Non ho nessuna speranza di vincere, in quanto mi rendo conto che la mia illustrazione è davvero troppo grunge per fare da sfondo ad un sito che si occupa di uno stile musicale pop. Purtroppo avevo zero idee, questa tipa io non l'ho mai nemmeno sentita nominare e il suo genere è... beh. Quella che io considero una novità succulenta non è tanto il concorso in sè, nè la mia orribile illustrazione, quanto piuttosto il mio atteggiamento. Se continuo a fare come ho sempre fatto, cioè ad esternare senza mezzi termini ciò che io penso di me e dei miei lavori, non combinerò mai nulla. Le parole hanno un potere fortissimo e continuando a ripetermi che sono una buona a nulla e che tutto ciò che viene partorito dalle mie mani è merda, non potrò mai, mai fare nulla di buono.

Così mi sono imposta di tirar fuori la faccia tosta e chiedere alla gente, se voleva, di votarmi, autoimponendomi di non dire nemmeno una volta che la mia illustrazione fa schifo. Non in pubblico, quantomeno. Ok, vi sembrerà una scemenza, ma per me è un grande passo. Mi sento un'obesa cronica che è stata il primo giorno in palestra e per la prima volta ha fatto tutti gli esercizi senza fiatare. Sono piena di buone speranze nei confronti dell'addomesticazione di me stessa. Tra l'altro alcuni sono stati di una dolcezza pazzesca, hanno condiviso il mio concorso senza che nemmeno glielo chiedessi.. lo so che nel vostro mondo tutto questo è normale, ma per come la vedo io, che ogni giorno sguazzo in tonnellate di spam per leggere l'email e gente che tenta di scroccare likes a destra e a manca come se fossero il sacro graal, beh, il fatto che qualcuno di sua spontanea iniziativa decida di arrecare questo fastidio solo per me, boh, mi sembra un gesto particolare.

3. Vendo illustrazioni, vettoriali e foto su Shutterstock e su Fotolia. Mi è sempre piaciuta l'idea di arrotondare facendo qualcosa che mi piace. Avevo provato a fare l'articolista per agenzie editoriali online ma era troppo frustrante perché eravamo in troppi e gli articoli da scrivere erano troppo pochi. Molto meglio far qualcosa sullo stock, e poi io adoro fare disegni scemi. In realtà, la maggior parte sono cose che avevo fatto per l'accademia. Ho riciclato un po' di roba, tanto per non far ammuffire il tutto nell'hard disk. Guardate come è buffo il mio albero di Natale!

10/11/14

Il mio primo smartphone

Miei cari blogghini, ho alcune novità da raccontarvi.
Prima novità sconvolgente: possiedo uno smartphone. Da circa un mese.
smartphone-majestic-sph-zeus-21

Ok, questo lo sapete già, visto che probabilmente mi avete già vista smadonnare nel tentativo di rispondere al telefono schiacciando i tasti fantasma che appaiono e scompaiono quando vogliono loro. Lo so, sembro un'ottantenne, ma io odio queste diavolerie moderne, amo che il pc sia un pc e che il telefono sia un telefono. Avere internet in tasca mi fa venire la claustrofobia e vedere la gente che rimane imbambolata davanti a quei cosi invece di guardare il piatto, lo spettacolo, le nuvole o i fuochi d'artificio risveglia in me istinti omicidi! Eppure m'è toccato mettermi al passo con i tempi a causa di forza maggiore. L'universo intero comunica via internet e diverse volte mi son persa comunicazioni importanti ed urgenti a causa di email non lette, con spiacevoli conseguenze. Siccome Palermo è malata di morganite, la gente cambia idea ogni secondo anche per le cose ufficiali e te le fa sapere per email o via facebook. E' terribile non sapere in tempo le comunicazioni importanti, ero sempre l'unica a non saperne nulla, a perdermi le cose importanti e a fare figure penose. Imbarazzante. Molto imbarazzante. Non posso più permettermi di vivere nel paleolitico.

Ma ora sono moderna. Ho perfino saputo in tempo che il 7 novembre l'accademia era chiusa a causa del feroce ciclone, nonostante fosse stato deciso la sera prima alle 22.30! La mattina del 7 novembre è stata la dormita più bella di tutta la mia vita. Nè troppo caldo, nè troppo freddo, il letto comodo, la luce tiepida, il pigiama estivo, la copertina leggera, i calzini a pois, il telefono che squillava supplicandomi di alzarmi e io che lo ignoravo sadicamente senza alcun senso di colpa.

Ah, non c'è stato nessun ciclone. A dire il vero non ha neanche piovuto. E non c'era vento. E io che speravo di finire nel fantastico mondo di Oz. Per uscire di casa mi ero imbacuccata per benino con tanto di cappotto con cappuccio peloso, ho perfino portato l'ombrello. E invece niente. Poi dicono che faccio male a non guardare le previsioni del tempo prima di stendere i panni.

Tornando al succo del discorso, nel caso in cui vi interessi, il mio nuovo smartphone è un Majestic SPH Zeus 21. Ho cercato un bel po' prima di trovare un telefono non cinese (quelli non hanno la garanzia!), veloce (ha 1 giga di ram), dual sim e non troppo costoso. Questo qui mi è costato 130 euro e l'ho comprato in un negozietto piccolo ed insignificante in via Oreto, dietro alla stazione. Si trova anche su Ebay e costa qualche euro in meno. Massi mi ha aiutata un sacco nella ricerca, da sola avrei smadonnato il triplo. Per le caratteristiche tecniche e le opinioni in merito a questo smartphone, andate qui. A parte i miei smadonnamenti, forse è un buon telefono. Nonostante io non ne capisca nulla, mi accorgo che rimangono tutti molto stupiti nel constatare la velocità del mio economico arnese. Quindi immagino che vada bene, va. Che si ficchino gli iphone6 dove non batte il sole.

A proposito, voi che ne capite, per piacere, spiegatemi una cosa: come si fanno i selfie? Non vi preoccupate, non ho intenzione di fare un calendario duckfaces 2015, ve lo chiedo perché mi piacerebbe fare delle foto ricordo senza scomodare tutti i santi. Avete presente, quando prendete la gente, allungate il braccio destro e fate le smorfie tutti insieme appassionatamente? Io non posso concentrarmi a fare le smorfie perché... non riesco a centrare il bottone. Con la compattina, ricordo che si teneva la macchinetta con pollice e medio e con l'indice scattavi cliccando il pulsante laterale, ok? Bene. Qui invece devi cliccare sullo schermo. Ma se clicco con l'indice perdo la presa e mi casca tutto, è troppo sottile per stare in equilibrio tra pollice e medio e inoltre il mio indice non è il tentacolo di un polipo, non ci arriva al bottone! Che diavolerie che vi inventate. Non potete costringermi a fabbricare un cavalletto da selfie solo per fare quattro stupide smorfie con le amiche. Vi odio tutti.

Comunque, se volete essere aggiornati in tempo reale sulle suddette smorfie (se mai riuscirò a farle), questo è il mio nuovo instagram. Purtroppo non ho ancora capito come si fa a collegarlo alla pagina facebook e in effetti non sono certa di volerlo capire. Vi prego di notare che facce sofferte e tirate che ho.

Naturalmente ho scaricato una marea di app pucciose, tutte gratis, la maggior parte sono sveglie assurde oppure app per fare foto trashissime. Mi diverto un sacco! Che bellezza annunciare alla gente che mi parla "No, non sto ascoltando, sono troppo impegnata a cazzeggiare col mio telefono moderno" e nel frattempo fotografare il cibo, scimmiottando le persone normali! Se avete applicazioni idiote da consigliarmi, vi prego, fatelo. Soprattutto se riguardano i conigli.

Ops. Siamo solo alla prima novità ed ho già blaterato per numerosi paragrafi. Stanotte non ho chiuso occhio e quando non dormo mi viene la logorrea. Forse è meglio che continuo l'aggiornamento un'altra volta, giusto per non farvi addormentare sulla tastiera. A presto! Forse.

PS: Vi ricordate? L'unico motivo per cui lo smartphone destava uno straccio di interesse in me è questa cover. Che per il Majestic non esiste. Oltre al danno, la beffa.
Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger