Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

12/03/14

L'accattona surrealista

dali-book transforming itself into a woman

Stavamo prendendo un caffè al bar. Avevo mal di testa, pioveva e faceva un freddo boia. Ad un certo punto salta fuori una donnina distinta, ben vestita, con due libri in mano e comincia a parlarci a raffica con tono cortese e modi professionali. Siccome i discorsi di quella donna erano belli quanto l'incontro casuale tra una macchina da cucire e un ombrello su un tavolo operatorio, sento l'esigenza di provare a ricordarli e a scriverli qui.

Donnina: Scusate, posso rubarvi un momento? Volevo parlarvi di una questione...
Noi: (facciamo di no con la testa, convinti che fosse una testimone di Geova)
Donnina: No, solo un momento. Ecco, vede, io oggi ho avuto la necessità di vendere questi libri per motivi.. beh, insomma, ci siamo capiti. Ecco, mi farebbe piacere che la stessa persona si prendesse entrambi i libri, ma capisco che non tutti sono interessati, io purtroppo mi vedo costretta a venderli..
Ozzy: Sì, ma vada al punto.
Donnina: Se non vi servono i libri o non avete la possibilità di comprarli io lo capisco e posso venirvi incontro, potrete contribuire con ciò che potete, anche qualcosa di piccolo.
Ozzy: No.
Donnina: Vede, sono davvero costretta a venderli ed ho poco tempo. Sarebbe sufficiente una piccola offerta. Non dovete per forza comprarli eh, ma almeno contribuite.
Ozzy: Ma scusi, perchè non li vende in un mercatino?
Donnina: Sì, io li venderei in un mercatino, purtroppo non ne ho la possibilità perchè non posso fare tardi. Quindi contribuite con una piccola offerta, va bene quello che potete.
Ozzy: No.
Donnina: Ma lo capisco, è che purtroppo mi vedo costretta, se non vi interessano i libri bla bla bla.. (continua a parlare a lungo in modo cortese e professionale)
Ozzy: Eh, ho capito, ma non c'è mica solo lei. Chiedete soldi in mille, come si fa?
Donnina: (contrariata e offesa) Allora non volete contribuire?
Ozzy: No.
Donnina: (mi guarda) Non volete contribuire?
Morg: No.
Donnina: (se ne va, offesa)
Morg: (allarga le braccia, desolata) I discorsi che ha fatto hanno qualcosa di paradossale, ma non riesco a capire cosa.
Ozzy: E' vero, ma cosa ha detto?
Morg: Sai che non lo so? Di che parlava? Ha più bisogno di soldi o di non fare tardi? E poi, che libri erano? Non ce li ha nemmeno fatti vedere.
Ozzy: Boh. 
Morg: Dai, magari sarà un esperimento sociale o qualcosa del genere.
Ozzy: Certo che se fosse vero, questa qui sarebbe proprio messa male.
Morg: A proposito di esperimenti sociali, il sito che distribuisce film coreani non ne fa più e quindi in questi giorni mi tocca cercare film occidentali decenti. E ieri notte per addormentarmi ho visto un film fichissimo, si chiama "L'onda". Devi guardartelo! E' illuminante! 
Ozzy: E di che parla?
Morg: Di un professore che insegna autocrazia nella Germania odierna e gli studenti però si annoiano perchè sono certi che andrà a parare nel Nazismo e proprio non hanno voglia di sentirsi dire sempre la solita solfa, inoltre sono convinti che sia assurdo continuare a parlare di Nazismo in Germania perchè una dittatura non potrà mai attecchire di nuovo, visto che ormai ci sono passati. E allora il professore, per dimostrargli l'enorme potere dell'autocrazia e la facilità con cui attecchisce, crea una nuova dittatura a scuola, li fa vestire tutti uguali, tira fuori delle regole rigidissime e molti di loro ci cascano come delle pere, è assurdo, finalmente ho capito il meccanismo sociale della disciplina, come fa la gente ad obbedire ciecamente a qualcosa di stupido, devi assolutamente vederl...
Donnina: (spunta fuori dal nulla) Allora proprio non volete contribuire? Io ho davvero la necessità di vendere questi libri, non è necessario che li compriate davvero perchè bla bla bla...
Ozzy: No! Stiamo parlando, signora, la prego!!!
Donnina: (mi guarda, offesa) Allora proprio non volete contribuire?
Morg: No!
Donnina: (se ne va, offesissima)
Morg:...

5 commenti:

  1. Sai che mi è successa una cosa simile con un vecchietto in negozio dove lavoro?Per fortuna però questo non era così insistente,ma voleva vendermi dei francobolli e il meccanismo era praticamente uguale O.o forse non ha insistito perchè stavo lavorando...meno male! L'onda è una vita che voglio vederlo!Sembra molto interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero le dinamiche erano le stesse? pazzesco, chissà se le insegnano a qualche corso di convincimento o cose del genere, perchè in effetti istintivamente non avevo la sensazione di avere davanti una scroccona, ma una che sta facendo delle cose ed è in ritardo. chissà come funziona, è divertentissimo! sembra un indovinello sulla tua lucidità mentale XD

      Elimina
  2. Sono sempre più convinto che in realtà non esiste, la vediamo solo noi ripetutamente. E crediamo che anche gli altri che la vedono la vedono sul serio ma in realtà siamo noi che crediamo che gli altri la vedano. E i libri hanno solamente pagine bianche. E i titoli sono scritti in una lingua incomprensibile. Prima o poi troveremo una vecchia stampa, magari medievale, dove è raffigurata la stessa persona con la stessa faccia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti oggi appena l'abbiamo indicata a Vincenzo è sparita O.O......

      Elimina
  3. Mio Dio questa tizia è allucinante.
    Io giovedì sera, mentre ero dal medico, sono stata bloccata da un testimone di geova che mi ha tenuto un megapippone. Sono diventati astuti. Se devi fare una visita medica mica puoi scappare...
    Per quanto riguarda il film, ero riuscita a trascinare alcuni amici al cinema a vederlo. La cosa più interessante, secondo me, è che sia stato tratto da una storia realmente avvenuta.

    Niglia

    RispondiElimina

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger