Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

22/06/13

Gay Pride! Gay Pride! Gay Pride! Wiiiiiiiii

A Palermo c'è il Gay Pride, lo sapevi? Festaaaa!! Vieni anche tu, non ti ingrigire. E se sei un pochino omofobo vieni lo stesso, non fare lo sconzajocu, quest'anno ci vanno proprio cani e porci.
gay-pride-palermo-2013
Special Guest: Febo, il bue a forma di cane
Il Gay Pride del 2013 è favoloso, i primi giorni ero felice come una pasqua e molto, molto orgogliosa della mia città. Andavo in giro tutta pomposa al Pride Village come un galletto intirizzito e mi guardavo intorno inorgoglita, commossa, signori miei, commossa che questo posto di merda avesse sfornato una settimana intera di feste, danze, musica, mostre, eventi, film, letture e quant'altro. Non potete capire, voi che abitate fuori dalla Sicilia non potete capire cosa si prova a vedere un evento a Palermo che non solo fila liscio, non solo è spettacolare talmente è intriso di cultura e divertimento, ma addirittura è GIUSTO! Non è una festa religiosa del cazzo dedicata a qualche idolo della mitologia cristiana, molto pittoresca ma assolutamente inutile. E'.... giusto. L'unica volta che ho provato una sensazione simile è stato per la vittoria del referendum sul nucleare. Ma eravamo solo un mucchietto di persone e saltellavamo in piazza. Questo è.. è... è.

E se voi civili nordici credete che sia ormai passatista ed obsoleto dedicare una festa all'omosessualità, (perchè diciamocelo, qualsiasi persona normodotata a livello intellettivo non sarebbe minimamente interessata all'orientamento sessuale della gente, ciò che avviene dentro alle mutande delle persone non può essere di interesse nazionale) chiaramente non sapete in che stato di degrado mentale e culturale sia ridotto il sud. Giusto un mese fa, un ragazzo è stato preso a martellate perchè, in un internet point di Palermo, consultava un sito di incontri gay. Vabeh, questi sono casi estremi, noi siciliani non siamo tutti dei selvaggi per fortuna. MA. A dispetto di tutto questo, il Pride Village di Palermo è stato PIENO ZEPPO tutte le sere! Famiglie, bambini, gay, etero, morgane, cani, porci, c'erano TUTTI. Sono troppo felice.

So che una buona fetta di presenti erano lì perchè non aveva altro da fare, ma sono felice lo stesso. Perchè è così che si addomestica la gente! Ora vi spiego: cos'è normale? Ciò che la massa reputa comune, ciò che la massa è abituata a vedere nel quotidiano. E se, per 7 giorni, la massa sceglie di stare in un luogo dedicato all'omosessualità, anche solo per noia, sceglie di stare in mezzo ad allegre checche vedendosi spuntare qualche drag queen piumata di tanto in tanto, piano piano si abituerà. E lo considererà normale. L'omofobia si abbatterà, e tutti vivremo felici e contenti. Ah, che bello.
gay-pride-palermo-2013-drag-queen
Drag Queen piumata
Poi mi son cadute le palle a terra, quando ho saputo da dove provenivano i finanziamenti del Gay Pride e che il Comune ci ha messo solo il minimo sindacale. Ma questa è un'altra storia. Niente discorsi deprimenti oggi, mi raccomando andate al corteo, parte alle 17 dal Foro Italico. Per informazioni sugli eventi del Pride Village potete andare sul sito ufficiale e affrettatevi, perchè domenica si chiudono i battenti e Palermo tornerà ad essere la solita deprimente, bigotta, puzzolente solfa.

Ehi! Ecco cosa c'era di diverso al Pride Village rispetto alla Vucciria! Non puzzava di pesce marcio!

20 commenti:

  1. Risposte
    1. tu fai il bastian contrario sempre e comunque. non prenderò in considerazione il tuo dissenso <3

      Elimina
  2. La prima sera che ci sono andato all'uscita ero con un mio amico, passano degli indigeni in una scassatisima punto bianca e urlano "Viva u pilu!" inferendo evidentemente che fossimo gay... palermo lo merita tutto l'essere deprimente e bigotta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non offendere gli indigeni, ti prego!
      ma porcaputtana ci abitiamo anche noi, io non credo di meritarmi una punizione tanto orribile T.T

      Elimina
    2. E invece si, preferisco molto gli immigrati indiani ai nativi locali.

      E poi tu non sei indigena, sei di Ciminna xD
      io sono indigeno.

      Elimina
    3. Palermo : Civiltà = Ciminna : Palermo
      (non ricordo bene come funzionano le equazioni, ho sbagliato qualche segno?)

      Elimina
    4. ma poi vinz che ci stai a fare qui, muovi le chiappe che si va al pride!

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    6. Dici alla Parata?
      https://www.facebook.com/media/set/?set=a.4917751749827.1073741826.1479261776&type=3

      a questa parata? xD
      Non ti ho visto? io ero dietro al primo carro.

      Elimina
    7. oh ti sei fatto anche tu il corteo? io ero vicino al terzo

      Elimina
  3. Sono piccoli passi verso la civiltà globale. Sarà mica peggio di una faziosa festa politica o più vergognoso comizio di berlusconi o più patetico di un discorso del papa?

    RispondiElimina
  4. You have great Ideas and a interesting blog, i really like it!
    what you think, wanna follow each other?
    I would be happy :-)

    Kiss from Swiss, Kira
    schuhRei.ch

    RispondiElimina
  5. forse non ti capiscono i nordici (ma non è detto che questo sia un male) ma me che sono del centro (centro sempre..tralasciato, trasparente, dissanguiato, perennemente sballottato da una parte all'altra ma..va be'..)ti capisco...a Lucca tempo fa è stata violentata una ragazza perchè lesbica, Torre del Lago è una la capitale gay... Credo nella libertà individuale, ma ammetto che l'esasperato sbandierare i proprio gusti sessuali mi ha un po' stancato, sarà che qui di Gaypride ne son passati fin troppi... però posso immaginare e godere di quest'ondata festaiola palermitana...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O.O a lucca?! porcaputtana ma ne sei certa? è una città ipercivilizzata!!!

      Elimina
    2. Ipercivilizzata?! diciamo morta!!!

      Elimina
  6. You are invited to my "International Giveaway sponsored by Naked Minerals."

    Visit: http://beauty-fulll.blogspot.com/2013/06/international-giveaway-by-naked-minerals.html

    RispondiElimina
  7. Le altre città non sono messe tanto meglio, il grezzume lo trovi comunque, solo che almeno sanno organizzarsi bene da (tanti) altri punti di vista. Non so altrove, ma qui noto sempre di più che gli omofobi sono dei senza palle, non hanno nemmeno il coraggio di dirti quello che pensano o magari ti insultano su internet e di presenza scappano ahahahah

    Al village ci sono stata poco ma mi è piaciuto tutto veramente tanto, parata inclusa! Tra l'altro ho sbagliato a ascrivere il nome della Drag Queen sul mio blog e credo che uno di questi giorni mi troverà, e mi ucciderà u_u

    RispondiElimina

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger