Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

10/04/13

Crisi economica in Italia e IRPEF

irpef
Alcuni anni fa stavate bene? Non dico che sguazzavate nell'oro ma, perlomeno, avevate i soldi sufficienti per tirare a campare? E adesso, non ce li avete più. Perchè? Vi è mai sorto il dubbio che fosse cambiato qualcosa di importante?



Abbiamo la sensazione di subire un'ingiustizia, ci dicono che sia tutta colpa del debito pubblico. Monti si lascia sfuggire che "in passato, i politici sono stati troppo generosi". Si tradisce, forse, lasciando in qualche modo intendere che adesso non lo sono più.

Il mio asso nella manica è Onofrio Alomia, ex dipendente statale, che lavorava nella contabilità ai tempi in cui i computer non erano diffusi. Dunque con calcolatrice, macchina da scrivere e una buona conoscenza  del suo lavoro. A quei tempi era necessario conoscere bene ogni cavillo burocratico, non era tutto automatizzato come oggi. Si dà il caso che quest'uomo sia la persona più onesta che io abbia mai conosciuto e per puro spirito civico abbia già tentato di diffondere certe informazioni nel suo blog, ma si sa, la gente onesta passa sempre inosservata. Si dà il caso che quest'uomo sia mio padre.
In questo articolo, intendo spiattellarvi in faccia alcune informazioni, provenienti dalle sue conoscenze, che potrebbero aprirci gli occhi.

Adesso aprite bene le orecchie perchè vi dico una formula magica che potrebbe avere il potere di toglierci tutti dalla miseria.
La formula magica è:

Vogliamo l'aumento dell'aliquota IRPEF relativa ai redditi alti.


Diffondetela. Dev'essere un'esplosione abnorme, tutti devono sapere, tutti dobbiamo conoscere il nome dell'ingiustizia che si sta svolgendo sotto ai nostri occhi e il modo per uscirne vivi.

Di cosa sto parlando? Di aumentare le tasse ai ricchi, direte voi. Sì, esattamente, ma quello che sto per dirvi vi farà rendere conto del motivo per cui ne abbiamo diritto. E di cose ben peggiori. Sotto al nostro naso, alla luce del sole, negli ultimi 30 anni sono state più che raddoppiate le tasse dei ceti bassi (cioè chi ha il reddito di 15.000 euro annui) e diminuite in maniera abnorme le tasse dei ricchi sfondati (cioè chi ha il reddito di oltre 250.000 euro annui). Sì, è democrazia anche questa, farci scegliere delle leggi che vanno a nostro svantaggio approfittando della nostra ignoranza.

E' questo il modo per risanare il debito pubblico, razza di ingordi maiali che vi ingozzate col nostro sangue? Nemmeno Beppe Grillo ha parlato dell'IRPEF, ho una certa fiducia in lui, però cazzo, parlane se ne hai il coraggio. Oppure hai paura che vengano toccati i tuoi miliardi? Sei un vigliacco, un ingordo, come tutti i ricchi, del resto.

Siamo confusi e disorientati, ma abbiamo questa sensazione fortissima di subire un'ingiustizia, e allora ce la prendiamo con gli stipendi dei politici troppo alti, con gli sprechi del denaro pubblico, l'evasione fiscale e quant'altro. Nel frattempo, sotto al nostro naso, le tasse dei poveri vengono raddoppiate mentre quelle dei ricchi diminuite, e nessuno ci fa caso, per mera ignoranza. Un esponente politico, di recente, ha proposto di continuare a diminuire le tasse dei ricchi (con conseguente aumento di quelle dei poveri, grazie al cazzo, lo Stato da qualche parte deve pur prendere i soldi) e la gente lo applaude, perchè non capisce, perchè tramite un furbo giro di parole gli si fa recepire "diminuiamo le tasse, semplifichiamo" mentre in realtà si intende "diminuiamo le nostre tasse e aumentiamo le vostre". Una condanna alla miseria.

Ma adesso basta con le chiacchiere e passiamo ai fatti.
Passo la parola ad Onofrio Alomia, a cui ho fatto una specie di intervista, giusto per organizzare il discorso. Le parti scritte in rosso le ho aggiunte io, nel linguaggio "parla come mangi", giusto perchè sia chiaro, CHIARISSIMO, a chiunque, il modo in cui ci stanno schiacciando con l'IRPEF.


  • Cos'è l'IRPEF?



"E’ l’acronimo di “imposta sul reddito delle persone fisiche”. E’ stata istituita nel 1973 in attuazione dell’art. 53 della costituzione: “Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario e informato a criteri di progressività.” Per capire il concetto di “progressività” riporto il prospetto che si trova nelle istruzioni che l’agenzia delle entrate fornisce per la compilazione dei redditi dell’anno 2011 e il calcolo dell’irpef.  Queste sono le aliquote ( o percentuali) progressive vigenti dal 2007."
irpef aliquote redditi

L'IRPEF, insomma, è quello che ognuno di noi deve pagare in base a ciò che guadagna.
L'articolo 53 della costituzione italiana stabilisce che le percentuali IRPEF debbano aumentare con l'aumentare dei guadagni, non proporzionalmente, ma progressivamente. Chi ha di più, deve dare di più. Chi ha di meno, deve dare di meno. 
Esempio di proporzionalità: 
Lo stipendio di Pinco Pallino è di 1000 euro al mese, dovrà pagare allo Stato 200 euro, cioè il 20%.
Lo stipendio di Caio Sempronio è di 100.000 euro al mese, dovrà pagare allo Stato 20.000 euro, cioè il 20%.
Esempio di progressività:

Lo stipendio di Pinco Pallino è di 1000 euro al mese, dovrà pagare allo Stato 200 euro, cioè il 20%.
Lo stipendio di Caio Sempronio è di 100.000 euro al mese, dovrà pagare allo Stato 40.000 euro, cioè il 40%.




  • Quali variazioni significative ha avuto l'IRPEF nel corso degli anni?

"Quando entrò in vigore nel 1974 capo del governo era Andreotti  e c’erano ben 32 aliquote progressive : la prima aliquota sui redditi fino a 2 milioni di lire l’anno era del 10%, mentre l’ultima aliquota sui redditi oltre 500 milioni di lire l’anno era del 72%. Altro che Hollande! Eppure il giovane Berlusconi è riuscito lo stesso ad arricchirsi!
Dal 1983 iniziò la svolta: le aliquote da 32 passarono a 9, la prima aliquota sui redditi  fino a 11 milioni di lire dal 10 passò al 18% e l’ultima sui redditi oltre 500 milioni passò al 65%. Allora c’erano i governi Spadolini e poi Fanfani.
Dal 1989 i governi Goria e De Mita portano sconti per tutti: le aliquote si riducono a 7, la prima aliquota sui redditi fino a 6 milioni di lire passò al 10% e l’ultima sui redditi oltre 300 milioni di lire passò al 50%. Un gradito regalo (un grosso sconto sulle imposte) per il non più giovane ma ricchissimo Berlusconi, che si accingeva  a scendere in politica.
Ci sono state altre variazioni nel corso degli anni. Comunque, dal 2004 fino ad oggi, le aliquote sono 5. La prima aliquota sui redditi minimi fino a 15.000 euro corrisponde al 27%, mentre l'ultima aliquota, la più alta, riguarda i redditi oltre i 75.000 euro e corrisponde al 43%.

Il succo della questione è che a partire dal 1974 l’irpef è andata progressivamente a diminuire per i redditi alti e ad aumentare per i redditi bassi.

Chi è interessato a conoscere la storia completa delle aliquote irpef in Italia può consultare questa pagina. Si aprirà un documento pdf di 59 pagine della scuola superiore del ministero dell’economia e finanze; tranquilli,  non dovete leggere tutto  ma andare direttamente a pag. 29 o 30 dove si trova un’appendice con i prospetti per il calcolo dell’irpef dal 1974 fino ai nostri giorni."

Avete capito? Negli anni 70 i ricchissimi (cioè chi guadagnava più di 500 milioni di lire all'anno) pagavano il 72% sulla parte di guadagno oltre i 500 milioni l'anno, oggi invece pagano il 43%. In pratica, chi guadagna 250.000 euro all'anno paga la stessa percentuale di chi ne guadagna 75.000, ovvero il 43%, violando il criterio di progressività dell'articolo 53.

Alla faccia del debito pubblico da risanare, eh?

E i poveri? Sono passati magicamente dal 10% al 23% e non si sono neppure lamentati, perchè troppo ignoranti per capirlo. A quanto pare, risanare il debito pubblico spetta solo a noi.
La costituzione italiana è scritta bene, è piena di cose giuste. Ma non la rispettano, o meglio, la rispettano interpretandola a nostro svantaggio, tanto non ce ne accorgiamo.


  • Chi decide le percentuali dell'IRPEF? (giusto perchè sia chiaro a tutti con chi dobbiamo prendercela)


"E’ una decisione che prende il governo in carica nell’ambito delle cosiddette “finanziarie”, provvedimenti che devono essere approvati dal Parlamento,  e cioè dal Senato (315 senatori) e dalla Camera (630 deputati)."


Regole così vantaggiose per i ricchi potevano stabilirle solo i ricchi stessi. Hai capito, questi furbacchioni? Che simpatici.



  • Attualmente a quanto ammonta il reddito mensile di chi paga l'aliquota massima e a quanto quello di chi paga l'aliquota minima?

"Per capire la risposta è necessario avere presente il prospetto già prima riportato che è in vigore dal 2007:
irpef aliquote redditi



Esempio:

Stipendio mensile imponibile    €.     1.250,00    imposta  €.    287,50        (aliquota  23%)
Stipendio mensile imponibile    €.     4.583,33    imposta  €. 1.435,00        (aliquota  massima 38%)
Stipendio mensile imponibile    €.     6.333,33    imposta  €. 2.154,16        (aliquota  massima 43%)
Stipendio mensile imponibile    €.   12.500,00    imposta  €. 4.805,83        (aliquota  massima 43%)

N.B. per semplificare non ho tenuto conto delle deduzioni e detrazioni per  familiari."



  • Secondo te, che mestiere potrebbero svolgere gli appartenenti all'aliquota minima? E quelli che appartengono all'aliquota massima?

"Cominciamo dal basso:
In prima posizione ci sono gli “incapienti” cioè le persone che non hanno alcun reddito o guadagnano così poco che non pagano nessuna imposta e cioè chi vive di espedienti o lavoretti in nero e pensionati al minimo.
Entro l’aliquota minima ci sono i pensionati fino a 1250 euro mensili, gli operai comuni, impiegati e lavoratori autonomi con un reddito imponibile fino a 1250 euro al mese.
Nelle aliquote intermedie troviamo le stesse categorie con pensioni più alte, operai specializzati, impiegati, insegnanti, medici, lavoratori autonomi con reddito imponibile da 1.300 a 6.000 euro al mese.
Nell’ultima aliquota, cioè 43%, ancora alcune delle precedenti categorie con un reddito imponibile superiore a 6.300 euro al mese e quindi dirigenti, politici, magistrati di alto livello, militari graduati e chissà quanti altri dato che le alte retribuzioni è  bene non renderle note. Qui troviamo quelli che io definisco “intrusi” e cioè quella categoria di persone che per i loro alti meriti e responsabilità e soprattutto per i lauti guadagni meriterebbero di essere annoverati in un’aliquota massima più consona ai loro meriti e cioè 50 o 60% . Parlo degli alti dirigenti, dei parlamentari, dei consiglieri regionali, dei generali, pensionati d’oro, ecc. . Mi domando come mai una persona cosi ricca e prestigiosa come Silvio Berlusconi non si vergogni di condividere l’aliquota massima del 43% con quei poveracci che guadagnano solo oltre i 6.300 euro al mese."


  • Perchè nessuno si accorge di un meccanismo così semplice? 

"Secondo me perché i mezzi di informazione di massa sono in mano a chi ha tutto l’interesse che a non divulgare notizie disinteressate che mettano le persone nelle condizioni di capire questi meccanismi. Ritengo che il meccanismo per la maggiorparte delle persone non sia affatto semplice. E  poi uno che guadagna pochissimo o niente non ha nessun incentivo ad informarsi su come e quanto si deve pagare di irpef."

  • Che posizioni e opinioni hanno espresso i politici a proposito dell'IRPEF?

"Nell’ultima campagna elettorale Berlusconi proponeva, tra l’altro, la modifica dell’ irpef (ora ire) con l’istituzione di due sole aliquote: 23% per i redditi fino a 40.000 euro l'anno e 33% per quelli oltre tale limite.  L'accusa degli avversari era quella di promettere cose che poi non avrebbero potuto essere mantenute, senza dare il giusto rilievo alla fregatura ancora più grossa che la proposta conteneva nei confronti delle persone con reddito medio basso. Tenendo presente che attualmente l'aliquota massima dell'irpef sui redditi oltre 75.000 euro l'anno è del 43%, non ci vuole molto ad immaginare lo sconto colossale (33% anzichè 43%) sulle imposte che Berlusconi intendeva regalare a se stesso e a chi ha un reddito superiore a 75.000 euro l'anno che provocherebbe una voragine nelle già disastrate finanze dello Stato. 
A Ballarò la parlamentare del p.d.l. Gabriella Lorenzin tempo fa ha dichiarato candidamente che sarebbe opportuno abolire la progressività delle aliquote irpef, con buona pace dell’art. 53 della costituzione."

Che faccia tosta. Proporre pubblicamente di dissanguare il popolo ed esser applauditi dal popolo stesso. Rendiamoci conto, per piacere, di quanto è grave la nostra ignoranza.





  • In pochi fortunati appartengono all'aliquota alta, secondo te basterebbe aumentarla per migliorare la situazione dell'Italia?

Sicuramente tornare ad aumentare gradualmente le tasse a chi ha redditi più alti  consentirebbe di aiutare chi non paga nulla di irpef perché non ha alcun reddito. La prova che chi ha alti redditi è stato agevolato dal fisco è che l’industria del lusso, al contrario di tutte le altre attività, va a gonfie vele. Inoltre ultimamente i mass media danno sempre più spesso notizia della scoperta di ingenti tesoretti che prendono il largo dall’Italia  verso i paradisi fiscali.
Comunque la sintesi della situazione è che il peso dell’imposizione fiscale sta transitando dalle imposte dirette alle imposte indirette: lo ha detto esplicitamente il ministro dell’economia Grilli ospite di una trasmissione televisiva con le testuali parole “nelle moderne democrazie si aumentano le imposte indirette e si diminuiscono le imposte dirette”. Stesso concetto era stato espresso l’anno scorso nientemeno che dal presidente della Corte dei Conti Gianpaolino il quale nel presentare la relazione annuale della Corte dei Conti auspicava un passaggio del peso della tassazione dalle persone dalle persone alle cose. Questi concetti per i poveri cristi, che hanno il problema di come fare per campare, non  significano niente. In realtà Grilli e Gianpaolino dicono che le tasse le devono pagare anche chi è un morto di fame perché senza accorgersene le paga su ciò che mangia e consuma come per esempio sulla benzina della vecchia panda scassata, sulle sigarette che gli hanno insegnato a fumare per sentirsi importante, sui gratta e vinci a cui affida le sue ultimme illusioni, e sui pochi spiccioli che riesce a spendere facendo qualche debito che mai restituirà o magari rubando qualche moneta dalle cassette delle elemosine. Queste sono delle imposte indirette.

Ma son proprio furbi. Aumentare il costo della benzina per risanare il debito pubblico, aumento delle imposte indirette! Così possono guadagnare fior di quattrini tassandosi il minimo indispensabile. Vecchi volponi!

  • Come fai a sapere queste cose?


 Reminiscenze scolastiche  degli anni 1968, 1969, 1970 di istituto professionale per il commercio e merito di un bravo insegnante di economia aziendale di cui ancora ricordo alcuni insegnamenti. Ma soprattutto per lavoro mi sono trovato a combattere con  stipendi e conguagli fiscali fin dal 1974 e a continuare fino al 2000. Allora si usavano solo le calcolatrici, inizialmente quelle a manovella, e di conseguenza bisognava conoscere bene i meccanismi e districarsi fra tabelle e prontuari.  A partire dall’anno 2000 tutte le pubbliche amministrazioni si sono informatizzate per cui non è stato più necessario usare calcolatrici, tabelle e prontuari. Il software aggiornato con le nuove norme da allora fa tutto. L’operatore carica i dati e il software dà il risultato.
Chi sa più fare una dichiarazione dei redditi?  Oggi si va al CAF, si porta il CUD, ti compilano il mod. 730 dietro modico compenso, ti danno una pseudo ricevuta e sei a posto.  Eventuali conguagli li troverai direttamente in busta paga o nella pensione.
Di conseguenza quando i politici parlano di imposte ti possono propinare tutto quello che gli pare e piace, tanto la massa non ne capisce un ca…..o.



L'intervista è finita. Come vi dicevo, finchè non ci toglieranno anche il diritto di voto, possiamo ricattarli.
Ripetete con me la formula magica:

Vogliamo l'aumento dell'aliquota IRPEF relativa ai redditi alti.

Voteremo chi farà quel che vogliamo noi. Il potere è ancora nostro.

14 commenti:

  1. io ci capisco poco, in queste cose topa, sono ignorante, e forse neanche mai mi sono interessata a queste cose FONDAMENTALI, sono le basi di tutto... purtroppo sono rimasta senza lavoro da quasi tre anni, mio marito dopo chiusa l'attività fa qualche lavoretto extra ma non andiamo avanti bene.... non si trova niente da fare, andiamo avanti con la pensione di mio suocero, e qualche extra che riesce a ottenere da lavoretti che fa lui.... siamo iscritti all'ufficio di disoccupazione ho chiesto in giro a lavare stirare o stare negli ospedali la notte a qualche poverino/a che non ha nessuno, ma nulla, non si trova niente, ho letto su un volantino che gli extra comunitari di Trento vivono bene ... ti lascio questo link https://www.facebook.com/photo.php?fbid=459854704091463&set=a.167172016693068.42388.163818167028453&type=1&theater spero che potrai vederlo grazie per queste informazioni che hai messo ti abbraccio un bacione stella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancje io nn ci capiscp niente :)

      Elimina
  2. scusami il link messo non si vede te lo riposto http://i196.photobucket.com/albums/aa227/desolatexangel/17733_459854704091463_1715327759_n.jpg

    RispondiElimina
  3. nemmeno io ne capivo nulla fino a qualche giorno fa. ma quando è troppo è troppo, non possiamo più permetterci di non sapere.

    RispondiElimina
  4. Ottimo e comlimenti anche al papà morgano ù_____________ù

    RispondiElimina
  5. Aggiungerei che, in tema di imposte indirette, si dovrebbe evitare l'aumento dell'aliquota Iva al 22% dal 1° luglio 2013. Ricordo che non esiste un'aliquota Iva che colpisca i beni cd. di lusso, ergo Iva sull'acquisto di una panda= Iva sull'acquisto di una Ferrari.
    L'Iva colpisce solo il consumatore finale, badate bene! Infatti le aziende versano l'Iva su quello che vendono meno l'Iva che hanno pagato sugli acquisti e l'Iva sulle vendite è quella che paghiamo noi!!
    L'aumento dei prezzi fa diminuire i consumi, i redditi calano, le aziende falliscono, i piccoli commercianti e gli artigiani chiudono. La gente finisce in mobilità, disoccupazione o con l'assegno sociale e cosa succede? Lo Stato ha bisogno di più soldi per queste prestazioni a sostegno del reddito e se li prende da quelli che ha già spremuto e il meccanismo si ripete fino allo stillicidio economico e sociale.
    Perchè lo Stato quando ha bisogno di denaro non va a toccare le lobby, ma la massa dei piccoli redditi che fungono da Bancomat....Scusa per lo sfogo!!!

    RispondiElimina
  6. Purtroppo quando si parla di PATRIMONIALE la gente sembra che veda belzebù...
    si vede che in Italia tutti si lamentano ma...son tutti parecchi ricchi, visto che la patrimoniale (in prpgramma PRC da decenni) va a colpire proprio i redditi molto alti, nonostnate questo è stata sempre bocciata, anche alle ultime elezioni (es cusa se mi ripeto) i voti a RC sono stati davvero pochi nonostante il rpgramma pro-italiani e contro-cirsi e ingiustizie (economiche in primis..)

    Tutto giusto quello che dici, tanto di cappello al tuo babbo, continuate così ma..ci vuole una pazienza enorme e lo stomaco forte-forte..

    Poi, come diceva Petrolini " is oldi vanno presi dove sono, e i poveri sono poveri ma...sono tanti" e così facendo i ricchi possono continuare a fare la loro vita da ricchi senza manco pagare il "minimo sindacale"..

    La crisi economica che poi ci raccontano in Italia non si èa ncora verificata del tutto, per ora c'è stato il fenomeno della speculazione (edilizia soprattutto anche eprchè serve a riciclare ild enaro sporco che è alla base del "mattone" anche s epoi il 20% delle nuove costruzioni è rimasto invenduto e l'edilizia sarà una delle cause per cui questo Paese non riuscirà a rialzare la testa..)

    La crisi economica come dici te non è causata dal debito pubblico (e da tutte quelle parole straniere che amano dire in tv-che io ho smesso di seguire dal dopo elezioni)ma è diretta conseguenza dell'ultima crisi americana, quella dei mutui, in pratica noi italiani stiamo pagando per gli americani che non hanno potuto pagare il loro mutuo... poi, discutendo con quelli del 5stelle, mi sento dire che il piano Marshall non conta più nulla (la loro motivazione: "è ma quelli che l'hanno fatto ormai son tutti morti" siii, bon per loro!)

    chiudo qui il monologo, aggiungendo che una misura salvaitalia necessaria è tassare le aziende che hanno delocalizzato, mettendo sui loro prodotti dei dazi e smettendo di pagare la cassa integrazione ai loro operai italiani messi a casa, perchè la produzione si è trasferita in Serbia o chissà dove...
    noi formichene possiamo boicottare queste aziende, io ormai da anni ho smesso di comprare da calzedonia, pompea, golden lady e tante altre..e poi è necessario statalizzare almeno un paio di banche e i beni pubblici come per esempio le autostrade (che sono di Benetton)

    RispondiElimina
  7. Sentitevi liberissimi di far proposte, contestare miei eventuali errori e aggiungere altre informazioni.
    Non perdiamo di vista il nocciolo della questione. Cioè:
    - Diffondere le informazioni.
    - Ricattare col nostro voto.

    E' la nostra ignoranza che ci rende impotenti.

    @angel: sono d'accordo con te, l'IVA così alta è una gran cazzata e distrugge l'economia, la paralizza.

    @serena: l'irpef è molto più efficace della patrimoniale perchè si succhia i soldi nonappena li guadagni. quindi non serve che li nascondi all'estero o fai finta di non aver nulla perchè appena riscuoti i soldi devi darne una parte allo stato e, visto che buona parte dei simpaticoni che guadagnano un mucchio di quattrini lo fanno tramite lo stato, capisci bene che sarebbe difficile nascondere allo stato stesso i propri guadagni.

    l'irpef è una gran figata ed era stata pensata intelligentemente quando è nata, poi l'hanno modificata per i loro interessi.

    RispondiElimina
  8. hai ragione però...se è stata "modificata" per i loro interessi, come facciamo ha farla tornare com'era? il problema del voto è...persone come me che il voto lo hanno sempre dato a chi era dalla parte del cittadino medio, come fanno ha ricattare? io non voterei mai il PD o il PDL...
    sul diffondere le informazioni sono più che d'accordo, col nucleare internet è stata una bella palestra per me, ma importante è diffondere le notizie anche a chi non ha accesso a internet, sembra strano ma sono in tanti che non lo usano (o lo usano male) e che però hanno diritto di voto e quindi è giusto che siano informati...
    intanto io diffondo questo post!

    RispondiElimina
  9. p.s. scusa se lo ribadisco ma..perchè in pochi hanno votato un programma come questo , fatto da persone preparare/competenti... purtroppo non riesco ad avere fiducia nel popol(ino) italiano http://rifondazionepescia.blogspot.it/2013/01/difendiamola.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è tutto un problema di comunicazione.

      Le informazioni, per essere comprese dal popolino, vanno rimasticate, semplificate e somministrate in modo brillante. Come ha fatto Grillo.

      Il pdl è un grande comunicatore, il pd no. Rc, riguardo alla comunicazione, è semplicemente patetico.

      Se avessimo un grande comunicatore dalla nostra parte, per esempio il nuovo papa che in merito a chiacchiere è un genio, avremmo già vinto.

      Grillo è bravino ma secondo me un pochino vigliacco.

      Elimina
  10. Io penso che, una volta che tutti sapranno cos'è l'Irpef e cosa significa, non potranno far finta di niente, farebbero la figura degli avidi tiranni.

    Lo penso perchè da alcuni anni si è diffusa a macchia d'olio l'informazione dello stipendio altissimo dei parlamentari e, oggi, guarda caso, Bersani ha avuto l'illuminazione ed inizia a parlare di ridurre tali stipendi. Ma nooo, non è mica un modo per conquistare la fiducia degli elettori, no no, lo fa soltanto perchè è una brava persona, generosa. E perchè non ci hai pensato prima, brutto stronzo??

    Incredibilmente, Monti ha rinunciato ad uno dei tanti stipendi, e altri due tizi (non mi ricordo come si chiamano) se lo son dimezzato. Non dico che sia un grande passo avanti, ma quantomeno iniziano a prendere in considerazione il problema.

    Quindi, come l'informazione ha funzionato per gli stipendi, funzionerà anche per l'irpef.

    Diffondiamo. Internet è solo un mezzo ma possiamo fare molto altro. Chiacchieriamo con i nostri amici, i nostri nonni, con il barman, con i professori, chiunque. Irpef, semplicemente, diffondiamo la parola Irpef.

    Saranno costretti ad ascoltarci.


    RispondiElimina
  11. Aspetta, mi è venuta in mente un'altra cosa.

    L'imu è l'esempio perfetto. Tutti sappiamo cos'è l'imu da alcuni mesi a questa parte. Comunicazione, è tutta abile comunicazione.

    Certo, se solo ci rendessimo conto che:

    - IMU = una cinquantina di euro all'anno per chi ha solo una casa

    - IRPEF = il 23% di TUTTO quello che guadagnamo, TUTTO


    diciamo che le cose sarebbero un attimino diverse e invece di inneggiare all'imu, che è una stronzata cosmica, inneggeremo all'IRPEF.


    RispondiElimina
  12. Una resistenza dalla voce velata
    è una bomba atomica.
    La offro a tutti coloro
    che desiderano frantumare il cervello
    dei loro dei.

    (HAWAD, poeta tuareg)

    RispondiElimina

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger