Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

08/03/13

Cosa non fare per la festa delle donne

festa-delle-donne-cosa-fare
Oggi è l'otto marzo, la festa delle donne. Prima di tutto, tanti auguri, troiette!

Per la vostra festa delle donne, ecco una lista di cose da fare e soprattutto non fare.



Cosa fare per la festa delle donne


  1. Andare su wikipedia, qui. Giusto per avere un'idea di cosa state festeggiando.
  2. Riflettere sul figa power. Promettere a sé stesse di utilizzarlo con parsimonia e consapevolmente.
  3. Come si usa il figa power? Fatevelo insegnare da qualche esperta, io non ne sono mai stata capace nemmeno per scroccare una sigaretta.
  4. La festa delle donne è il momento migliore per tirar fuori la parte più perversa della femminilità. E' d'obbligo uscire con le amiche e fare discorsi da teenager. Guardare telefilm da teenager, sfondarsi di dolci e spettegolare selvaggiamente.
  5. Riguardo alle mimose, date un euro al marocchino di turno che cercherà di vendervele ad ogni semaforo, lasciategli la mimosa ed augurategli buona festa della donna. Vi sentirete in pace con voi stesse, avrete sottilmente dato del trans al marocchino, il marocchino sarà felice e non avrete in casa un cadavere di mimosa che marcirà il giorno dopo.
  6. Fate gli auguri a tutti i vostri amici gay sogghignando stupidamente.
  7. Fate gli auguri a tutti gli uomini che conoscete, sogghignando stupidamente.
  8. Fatevi un bel bagno caldo pieno di schiuma, poi tuffatevici dentro e riflettete sull'entropia dell'universo. No, sul serio, fatevi un bagno caldo e riflettete. Le soluzioni migliori arrivano durante il bagno caldo.
  9. Scrivete una lista di buoni propositi per impiegare al meglio la vostra esistenza. Non c'entra nulla con la festa delle donne ma ogni momento è buono per dare a sé stessi dei buoni consigli.

Cosa non fare per la festa delle donne

  1. Per la festa delle donne, non andate agli spogliarelli maschili. No, non è divertente, è imbarazzante per la vostra autostima, è la cosa più stupida che potete fare. Per festeggiare la vostra femminilità non potete denigrare il vostro io abbassandovi ai livelli degli uomini che disprezzate gli altri 364 giorni dell'anno. Lo sappiamo tutti che non ve ne frega un accidente dei modelli spogliarellisti e che andate a vederli solo per avere una sorta di ripicca nei confronti del genere maschile. Ma non è il modo giusto per farlo. Mai, mai abbassarsi ai livelli di chi disprezziamo.
  2. Guardatevi bene dal dire cose stupide in merito alle donne. Nella foga della festa, così come per Natale o che so io, di solito la gente nel tentativo di darsi un tono dice cose molto, molto stupide. E soprattutto le scrive su facebook. Voi non fatelo e prima di condividere link su facebook trattenete il respiro, contate fino a dieci e domandatevi se ciò che state condividendo è un discorso stupido e qualunquista oppure no.
  3. Non zoccoleggiate e non fate qualsiasi avances sessuale che non fareste gli altri giorni dell'anno. Se è vostra abitudine avere un atteggiamento libero nei confronti del sesso, zoccoleggiate tranquillamente. Ma, se non è così, non fatelo solo per la festa della donna, vi prego. Bisogna prendere il meglio dalla parità dei sessi, non scimmiottare i comportamenti marpioni e stupidi dell'uomo.
  4. L'uomo non è un oggetto, così come voi non siete un oggetto. Se tratterete l'uomo come un oggetto, anche solo per la festa della donna, non lamentatevi di essere trattate nella stessa identica maniera.
  5. Non ignorate la festa delle donne, fa molto hipster.
  6. Uomini, non regalate mimose. Vi prego, è patetico. Regalate qualcosa di carino piuttosto, come un diamante o una macchina nuova. No, scherzo. Anche dei cioccolatini vanno bene, ma le mimose no, vi prego, è patetico.
  7. Uomini, segretamente credete che la donna abbia il diritto di zoccoleggiare solo per la festa della donna mentre gli altri giorni dell'anno invece no. Sbagliato. Le donne hanno il diritto di essere zoccole sempre e comunque, ma non lo fanno per scelta. Sono semplicemente meno promiscue di voi per natura (non tutte ovviamente), approfittate di questo giorno in cui molte donne fanno finta di essere mignotte come voi per riflettere su come diventerebbe il mondo se noi donne non fossimo quello che siamo.
  8. Donne, vi è sembrato divertente che io vi facessi gli auguri chiamandovi troiette? No, non è divertente, per niente.
  9. Donne, vi ha dato fastidio essere appellate come troiette all'inizio del mio post? Bene. Promettete a voi stesse di non usare mai più il termine troia, zoccola e puttana come aggettivo offensivo nei confronti di una persona che vi sta antipatica. Facendolo, contribuite a diffondere l'idea che la donna sia un oggetto sessuale e che tutto ciò che faccia, nel bene o nel male, sia attribuibile al sesso. Inoltre, usate il figa power con molta parsimonia e consapevolezza e ficcatevi in testa che se vi comportate da gatte morte non potrete mai esser prese sul serio né essere considerate come una creatura pensante e, oltre a danneggiare voi stesse, danneggiate gravemente anche le vostre colleghe di genere sessuale, che per pregiudizio continueranno ad essere considerate come gatte morte, ovvero intellettualmente valide quanto una bambola gonfiabile.

1 commento:

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger