Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

31/01/13

Revolver #01

revolver

Poi una notte l'ho fatto. Pensarmi. Dire ora basta. Coraggio. Io devo andarmene. Fare fagotto. Nella tormenta. Vattene adesso. Prova a risorgere. Dai che puoi farcela. Sei così immensa. Una briciola.
Isabella Santacroce, Revolver

27/01/13

Collo monco

Ognuno di noi si trova con la testa là dove vorrebbe essere con tutto il resto del corpo. Capita a volte che due teste abbiano voglia di stare nello stesso posto e non importa granchè dove si trovino i rispettivi corpi. Si può chiamare amore nel caso in cui questo stato si prolunghi molto a lungo nonostante il rispettivo appartenersi, nonostante l'eccitazione del giocattolo nuovo si sia ormai spenta. Entrambe le teste scelgono di tornare nello stesso luogo nel quale possono stare insieme e lo scelgono liberamente, al di là delle passioni, degli amici e degli impegni con i quali può essere occupato il corpo. Lo scelgono perchè è ciò che desiderano e non ciò che gli rimane.

Niba, scultrice italiana

Niba è tra gli artisti italiani contemporanei più fenomenali, secondo me.
niba-scultrice-scultura-contemporanea
Niba, Catwoman

26/01/13

Le morganate - La fan di Masini

faccia-allarmata
Negli ultimi giorni mi sto impegnando ad usare quel dannatissimo facebook per tener d'occhio la faccenda del cane e imparare magari ad essere meno alienata, ricordarmi che se io decido di infognarmi nelle paranoie da ohmiodiotuttoquellochefacciofaschifo non possono rimetterci gli altri non ricevendo nè foto, nè siti nè un cazzo di niente che venga partorito dalle mie mani. Insomma, se non riesco ad uscire dalla mentalità del Re Mida al contrario che trasforma ogni cosa in merda, non sarò solo io a rimetterci, ma anche gli altri, e questo devo ficcarmelo in testa. Beh, i risultati delle mie buone intenzioni sono pessimi.

Mi ero appena svegliata. Accendo il pc e con gli occhi a fessura vedo Martina che su facebook impreca contro un misterioso santone e si ascolta Masini. Martina? Santone? E, soprattutto, Masini?!

Le ho scritto un bestemmione pensando che fosse impazzita, poi ho deciso di moderarmi. Eravamo pur sempre in pubblico, bisogna essere rispettosi. Così ho tradotto le mie imprecazioni con un leggiadro "cosa diavolo stai facendo!" Ho inviato il commento.

Ho cliccato sul suo profilo per controllare se ci fossero altri segni di follia latente. Sì, scriveva senza dubbio cose strane. Parlava di nuove scarpe col tacco da abbinare ad un vestito. Martina che pensa ai tacchi?! Martina indossa solo New Rock!! Stavo per scrivere un altro bestemmione quando ho messo a fuoco la foto profilo. Poi il nome. Ehm, non era Martina, era una fan di Masini che aveva i capelli come lei.
fan-di-masini

24/01/13

UGG Boots: posso finalmente uscire in ciabatte

ugg-boots-stivali-fucsia-pelosi-pon-pon-ciabatte-pantofole
L'altro giorno sono andata al compleanno di Chiara in ciabatte. Ho attraversato la città per venti minuti buoni in ciabatte. Non riuscivo a credere che lo stavo facendo veramente. Eppure, era tutto normale. Nessuno si è stupito. Nessuno mi ha guardata come se fossi appena scappata da un ospedale psichiatrico, nessuno! Iniziavo a sentirmi in una specie di realtà parallela nella quale puoi fare quello che ti pare e come ti pare senza che nessuno se ne accorgesse, iniziavo a sentirmi la donna invisibile. Finchè ho detto a Chiara:
- Ti piacciono i miei stivali?
- Morgana, - mi ha risposto - io non sopporto gli UGG boots, fanno cagare, sembrano ciabatte.
- Beh, in realtà sono ciabatte.
ugg-boots-stivali-fucsia-pelosi-pon-pon-ciabatte-pantofole

Talvolta la moda fa fare alla gente cose stupide, ma mai mi sarei aspettata che venisse fuori la moda di uscire in ciabatte. E' bastato prendere le ciabatte alte fino alla caviglia e ribattezzarle. Le ciabatte alte non si chiamano più col loro nome, bensì UGG boots.

Io sarò strana, ma consentitemi di farvi notare che anche voi non siete tanto normali a lasciarvi infinocchiare così.

Per chiarirvi le idee, vi racconterò la storia delle mie ciabatt... ehm, dei miei UGG boots.

ugg-boots-stivali-fucsia-pelosi-pon-pon-ciabatte-pantofole

Alcuni anni fa vagavo in via Bandiera con la mia coinquilina senza una precisa ragione, quando all'improvviso sono stata folgorata da un paio di pantofole fucsia. Erano nel reparto bambine, sembravano degli stivali, erano alte e tutte pelose dentro tipo queste ma fucsia e con due pon pon. E' stato amore a prima vista ma non avevo neanche un soldo, la mia coinquilina mi ha prestato 8 euro e le ho prese. Sì, mi sono costati 8 euro, un affarone quasi quanto le mie converse originali prese a 20 euro e le mie new rock prese a 40. Amo pavoneggiarmi di queste cose.

ugg-boots-stivali-fucsia-pelosi-pon-pon-ciabatte-pantofole
Il Signor Smith ha scambiato la mie UGG boots per un paio di uova da covare
E insomma, ho usato le mie ciabatte fucsia per anni saltellando per casa come una forsennata, e ogni volta che saltavo si agitavano i pon pon, faceva tanto kawaii. Quando è arrivata la moda degli UGG boots sono rimasta un attimino sorpresa, ma poi ho pensato che dopo le crocks, una specie di scarpa a forma di aborto che andava di moda qualche anno fa, non c'era da stupirsi più di nulla.

Dopo tutti questi anni ho deciso di usarle per uscire nei giorni di scazzo, in modo da restare coerente con lo status da pantofolaia senza darlo troppo a vedere.

ugg-boots-stivali-fucsia-pelosi-pon-pon-ciabatte-pantofole
Dove sono i pulcini?
ps: Chiedo scusa per le foto mosse ma casa mia ha l'illuminazione di un loculo e non avevo nessuna intenzione di montare il cavalletto.

23/01/13

Come perdere una cliente in due minuti netti

cappuccio-blu
Al panificio.
Morg: (si avvicina alla cassiera col suo soldino in mano)
Cassiera: (si gira di scatto verso Morg) Aaaaah!!!! Mi hai fatta spaventare! Ahahahahahah!!
Morg: Uh?
Cassiera: Eheheheh! Sai, ti vedo spuntare all'improvviso, ecco.. Eheheheh!
Morg: Eh eh eh. (le porge il soldino, non avendo voglia di approfondire il problema della cassiera)
Cassiera: Eheheh! Dev'essere per il cappuccio. Sai, sei entrata e indossavi un cappuccio e poi te lo sei tolta e quindi mi sono spaventata.
Morg: Quale cappuccio?
Cassiera: (espressione di terrore nell'accorgersi che la mia giacca non aveva un cappuccio)
Morg: (continua a porgere il soldino)
Cassiera: (silenzio)
Morg: (continua a porgere il soldino nella più totale indifferenza)
Cassiera: Eh! Hahahah! E' vero, non hai nessun cappuccio! Comunque, è il colore che va di moda quest'anno. Sul serio, ti stanno bene. Ti stanno molto bene. (annuisce sorridendo)
Morg: (allora non è una squilibrata qualsiasi, sta solo rompendo i coglioni per via dei capelli!!) Eh eh eh.
Cassiera: (prende quel fottuto soldino) Arrivederci!
Morg: Arrivederci! (esce meditando vendetta. Proprio accanto a quel panificio, ci sta un altro panificio. Uhm, dove mai andrà a comprare le treccine, d'ora in poi? Cara cassiera, senza la mia scorta di treccine, finirai sul lastrico. Zum zum zum zuuuuuuu)

22/01/13

Come guadagnare con un blog, guida completa

come-guadagnare-con-un-blog
Come faccio a guadagnare con il mio blog? Come si fa a mettere dei banner pubblicitari davvero efficienti? Come funzionano i guadagni e come ottimizzarli al meglio? Per riscuotere bisogna avere per forza un conto in banca? Se il mio blog ha poche visualizzazioni, posso guadagnare lo stesso? Tranquilli, dopo aver letto questo articolo vi sarà tutto chiaro.

Inserire banner nel proprio blog può essere inizialmente difficile e soprattutto inutile per chi non sa come farlo. Finirete per riempire il blog di pubblicità fastidiose che rallenteranno la navigazione, che verranno ignorate e cliccate solo per sbaglio dagli utenti e che vi frutteranno una miseria. Ho commesso questi e altri errori e, dopo una serie di disastri, adesso che ho finalmente capito come funziona sono lieta di potervi spiegare come trasformare il vostro blog in una piccola fonte di guadagno in maniera semplice.

20/01/13

Zum zum zum

faccia-da-culo
Chi mi legge abitualmente avrà sicuramente notato che ho pubblicato due post un po' strani. Non sono impazzita all'improvviso e non ho deciso di diventare un'allegra agenzia di reclutamento per poveri disperati senza lavoro, si tratta di un paio di articoli prova per dei tizi che devono valutarmi, li avevo pubblicati altrove ma poi ho pensato di metterli nel mio bel mucchio di post inutili, così se gli faccio schifo e mi rispondono che scrivo con i piedi, quantomeno ho il latte versato su cui piangere in bella vista.

Avete anche notato che sono spuntate come funghi varie pubblicità. Per ringraziarvi dei soldini che mi fate guadagnare leggendo le amenità che scrivo, tra un po' pubblicherò una piccola guida su come guadagnare con un blog, così potrete farlo anche voi. Vi risparmierò volentieri i pasticci che ho combinato io per inesperienza. Sto solo aspettando la risposta dello staff di un sito di pubblicità che volevo consigliarvi, peccato che mi stanno allegramente ignorando da un mese. Evviva gli staff pigri, devono essere siciliani immagino. All'inizio la pubblicità nel blog mi faceva sentire in colpa, poi quando ho visto che i soldini aumentavano mi son detta: vabeh, fanculo. Sì, lo so, sono una venduta, Davi mi direbbe che sono proprio una puttana. Del resto in questo blog scrivo solo idiozie, quindi mi sento un po' meno puttana. Mi sento piuttosto come una mia amica che vendeva le bottigliette di pipì ad un tizio. Non sto vendendo l'anima. La mia anima, grazie al cielo, se ne sta ben lontana da qui.

Ad ogni modo, stay tuned. Presto online dei metodi per rimpinguare il vostro portafoglio.
Nel frattempo aprite le orecchie e ascoltate gli Omissis.

17/01/13

124 audiolibri gratuiti

audiolibri-audiobooks-gratis

Ta-dan! Elenco di audiolibri di tutti i tipi da ascoltare gratis, messi a disposizione in una libreria online totally free nel sito di RadioRai. Sono soprattutto grandi classici della letteratura internazionale e sono stati realizzati dal programma radiofonico "Il terzo anello - Ad alta voce", quindi di ottima qualità e letti con una dizione perfetta. Spesso gli audiobook gratuiti hanno una dizione discutibile, purtroppo. Questi invece sono perfetti. Si possono anche scaricare se usate real player per il download, credo. Ho scoperto questo sito tre anni fa e mi ha resa la donna più felice della terra.

15/01/13

Generatore di testi della Santacroce

generatore-di-testi-isabella-santacroce
Un mio amico ha creato un generatore di testi casuali di Kant, Lovecraft, economia aziendale e.. Isabella Santacroce. Ho riconosciuto subito Revolver anche se mortalmente deturpato. Povera creatura, che cosa ti hanno fatto. Lo sfottò per la Santacroce è una croce (?!) che mi porto dietro da quando uscì V.M. 18. Certe volte la gente mi guarda, piega la testa all'ingiù, comincia ad oscillare con le mani e intona la cantilena "Eeeero un satanico Diooo".
Mia cara Isabella, cosa mi tocca sopportare per starti dietro. Sappi che ti amo comunque e che ti sarò sempre fedele nonostante tu non abbia più voglia di scrivere per davvero dai tempi di DarkDemonia.

13/01/13

Sorridi! Sei su candid camera!

candid-camera-scherzo

Questo mondo talvolta mi appare così assurdo, ma così assurdo che comincio a pensare si tratti di uno scherzo. Un gigantesco, enorme scherzo. Questo mondo in realtà è di cartone, è il progetto di un grande scenografo. E voi siete tutti attori. C'è un grande regista dietro tutto questo e lo scopo è quello di filmare attraverso le telecamere nascoste le mie facce sbalordite. Non so come altro spiegarmi ciò che accade.
  • Su internet ho trovato questo. I commenti, guardate i commenti.
  • Cercavo una gabbia per uccelli tipo questa, invece sono finita su questa. Forse è un sottile consiglio di Google su come affrontare questo.
  • In tv ho trovato questo.
  • Nella mia pagina facebook ho trovato questo.

08/01/13

La morte del 2012

capelli-fucsia

capelli-fucsia
Il succo del mio 2012:

Sole. Luce. Bere tanta luce. Rumore di una samba stridente. Davi non c'è. Gli ultimi esami. Conigli. Vasco Brondi. Ascolto la samba, la rompo. Luce. Una torre. Claudia. Lint. Buio. Scusa ma sono troppo pop. I corvi compiono un anno. Tempesta di foto. Tesi. Mimas. Iodrama. Il signor Smith. Capelli neri. Tempesta di foto. La follia esplode dappertutto. Primo morso. Trionfante lapidazione. Secondo morso. Prendere coscienza dell'odio che provo nei confronti dell'infante manipolatore ritenuto da tutti innocente. Caos calmo. Martina mi tiene la mano per proteggermi dalle vertigini. Tante splendide albe e spiragli di luce, l'infante sorride, poi buio. Arriva l'Aurora, poi scompare. Gli occhi mi fanno male. Revolver.

Il più bel libro letto:
"Love me or kill me" Graham Saunders

Colori di capelli cambiati:

  • Capelli fucsia
  • Capelli blu
  • Capelli fucsia in alto e viola in basso
  • Capelli neroblu
  • Capelli turchese spento
  • Capelli grigio topo schifoso
  • Capelli blu

Buoni propositi per il prossimo anno:
Realizzare il mio sogno.

Cara me
Cara me stessa del futuro, con tutte queste stronzate hai perso di vista il tuo obiettivo. Ricordati chi sei e cosa vuoi. Gioisci ogni volta che ti avvicini, deprimiti ogni volta che ti allontani ma non perdere mai energie emotive per ciò che solo gli altri ritengono importante. Deprimerti per qualcosa che per te vale meno di zero è stata la cosa più stupida che tu abbia fatto quest'anno, non ripeterla mai più.

07/01/13

Leonid Afremov, il moderno Chagall

Leonid Afremov è un pittore russo che adoro. E' contemporaneo, un omino di sessant'anni inoltrati che ha l'account su twitter e perfino su deviantart. Quando ho letto che è nato a Vitebsk son rimasta a bocca aperta. E' la stessa città natale di Chagall! Ma che razza di coincidenza! Guardate come dipinge. Ok, lo stile non c'entra nulla con Chagall, forse sono matta io, ma l'atmosfera onirica e variopinta mi sembra molto simile.

Leonid Afremov spesso non usa i pennelli, dipinge con il colore puro e la spatola. L'effetto è una sorta di impressionismo molto vivace. Veramente suggestivo.

Tantissimi quadri di Leonid Afremov rappresentano paesaggi italiani. Chissà se viene spesso in Italia.
leonid-afremov-gatto

06/01/13

L'angolo del masochismo intellettuale

libri-brutti-masochismo

I best sellers più brutti e sopravvalutati che io abbia mai letto:
  • Melissa P., Cento colpi di spazzola prima di andare a dormire  L'autrice ha buone capacità, ma ancora acerbe. Non siamo tutti Rimbaud, cara Melissa. Bella trovata commerciale ma pessimo libro. Stile insulso ed infantile, contenuti nulli. Finale patetico.
  • Federico Moccia, Tre metri sopra il cielo. Stile limpido e scorrevole. A causa dell'estrema ingenuità e banalità dei contenuti, è adatto unicamente ad un pubblico dall'età inferiore ai dodici anni. Visto il suo successo, mi sorgono spontanee alcune domande rispetto all'età mentale degli italiani
  • J. P. Salinger, Il giovane Holden. Libro simile a Cento colpi di spazzola prima di andare a dormire, ma senza pompini. Risulta obsoleto come lettura per ragazzi ed insignificante come lettura per adulti. Quando Baricco ha chiamato Holden la sua scuola di scrittura mi è cascato dal cuore. So che è un grande classico della letteratura e mi odierete per questo, ma fatevene una ragione, quel libro per me è inutile.
  • Stephenie Meyer, Twilight Libro simile a Tre metri sopra il cielo sia per stile che per contenuti, solo che nel libro di Moccia trombano subito mentre per la Meyer bisogna aspettare l'uscita del terzo libro della saga. Chi non ha letto Twilight pensa che nel film Kristen Stewart sia inespressiva. Sbagliano, in realtà interpreta perfettamente il personaggio esangue ed asettico descritto nel libro. Decisamente fuoriluogo lo spiccato interesse dell'autrice nei confronti degli Swarowski.
Non tutti i libri sono cibo per la mente. A volte decidiamo consapevolmente di nutrirci di spazzatura, così, per farci del male. E' davvero masochismo? Personalmente lo faccio perchè sono sempre a caccia di talenti incompresi della letteratura e faccio il seguente ragionamento: la massa è stupida. Se la massa stupida parla bene di un libro mentre le persone intelligenti ne parlano male, allora quel libro dovrà essere per forza stupido. In ogni caso, quel libro è allo stesso tempo talmente intelligente da riuscire ad instaurare un dialogo con gli stupidi che, essendo la maggioranza, porteranno molti più incassi rispetto agli intelligenti e faranno arricchire gli editori e l'autore. In questo intricato incrocio del banale e del geniale si potrebbe nascondere un libro fintamente stupido. E io intendo smascherarlo e lodarlo, oppure insultarlo. Mi sono spiegata?
Non ho ancora trovato un libro che sia stupido solo per finta, ma un giorno ci riuscirò.
libri-brutti-masochismo
Notate lo sguardo sprezzante del felino.

05/01/13

Pasticcino, il mio commestibile consorte

pasticcino
Lui è Pasticcino, il mio commestibile consorte. Dal momento che lui mi chiama Briciolina, mi sento autorizzata a ribattezzarlo con un nomignolo così ridicolo. Prima lo chiamavo "saliera" perchè assomiglia incredibilmente alla mia saliera, quando ho tempo gli faccio una foto - alla saliera - così capite perchè.

Per un pò di tempo l'ho chiamato Fragolino ma mi son ritrovata in situazioni imbarazzanti, tipo quando commentavo su Facebook la foto del brindisi per il compleanno di un nostro amico:
pasticcino

Il Pasticcino è una specie di elfo natalizio sempre allegro e saltellante, caratterizzato dalle sopracciglia dell'eterna sorpresa, un'inguaribile logorrea che lo porta a raccontare la storia del nostro cane per diverse volte al giorno a tutti gli sconosciuti che incontra, il fusorario spostato di due mercoledì, la memoria a breve termine, il disordine, la sindrome da Peter Pan e la passione per le zingarate. Vi ricorda qualcuno? Sì, Dio li fa e poi li accoppia. Di seguito, potete ammirarci nella performance denominata "la danza dei cretini".
pasticcino

04/01/13

36 film horror della buonanotte

film horror streaming it il pagliaccio assassino pennywise
Elenco di film horror in streaming che trovo di tanto in tanto su youtube. Quasi tutti in italiano, alcuni in inglese ma sottotitolati. La maggior parte non li ho visti. Invece di tenerli in un file di testo li metto quì così potete guardarli anche voi. Da quando ha chiuso Megavideo lo streaming è diventato un parto, è così difficile trovare roba su putlocker. Molti film horror sono veramente trash, bruttini, stupidi, ma a me rilassano, mi mettono sonno.

Mi rendo conto che sembra un discorso tirato fuori per fare la goticona a tutti i costi, ma non è così. Mi rilassano sul serio, perchè generalmente sono molto stupidi e poco impegnativi. E poi vado matta per queste atmosfere anni ottanta. Se trovate altri film horror in giro ditemelo che li aggiungo. Non importa che siano belli, tanto si usano per dormire, no?

Disclaimer: Che nessuno si permetta di accusare il mio blog di spacciare film in streaming. Declino ogni responsabilità. Ho solo fatto copia e incolla da google, non sono una spacciatrice, quindi non rompete. Se proprio volete prendervela con qualcuno prendetevela con google, grazie. E comunque sono film horror stravecchi e non se li caga più nessuno. Se qualcuno trova illegale il fatto che io cerchi di conciliare il sonno degli internauti risparmiandogli lo xanax tramite una ricerca con google, beh, che vada a farsi fottere.

(questo era un post vecchio che mi ero dimenticata di pubblicare, in questo periodo mi addormento con gli audiolibri, vi scriverò i link se vi interessano)

03/01/13

La fine del mondo e la logica del fiabesco


Lo sconto al sito della Feltrinelli è terminato con il tramontare del 2012, l'anno della fine del mondo.
Nonostante la mia visione scientifica dell'universo, amo fingere con me stessa di credere a determinate stronzate allo scopo di dare alla mia esistenza un tocco di fiabesco in più.

Il lato negativo nel fingere di vivere in una fiaba è che spesso la gente ti prende sul serio. Per esempio, mentre spiegavo al Signor Smith che i segni nefasti del destino preannunciavano una sfiga imminente, mentre gli dicevo che se fosse stato perlomeno un gatto avrei potuto attribuirgli la colpa ma col suo status di cane, seppur nero, si parava il culo irrimediabilmente, Pasticcino smise di guardare la strada proprio come fanno nei film americani e, con le mani sul volante, tuonò: ma quanto la fai pesante, questa vita. Io e il cane ci girammo a guardarlo inorriditi, come se fosse uno che spiegava ad un asilo che Babbo Natale è solo un prodotto delle multinazionali. La nostra fiaba si spezzò e vissero tutti annoiati e scontenti. Fu una scena drammatica, come quando dicevo a Piccola Pio di esser gelosa del suo cane e lei si scusava, si scusava affermando che era costretta a dedicare più attenzioni al pargoletto peloso invece che a me, altrimenti la sua casa sarebbe stata distrutta. Era chiaramente un'assurdità, nessuna delle due pensava realmente ciò che aveva appena detto, ma il suo fidanzato mi guardò comunque in cagnesco, come fosse un cane anch'egli, e borbottò: quante paranoie che vi fate. Io e Piccola Pio raggelammo. D'altronde gli uomini non comprendono la logica del fiabesco, altrimenti ci sarebbero molti più principi azzurri in questo mondo.
la-fine-del-mondo
In Germania ci sono architetti che seguono la logica del fiabesco

Il 21 dicembre 2012, secondo la mia logica del fiabesco, intendevo passare la fine del mondo facendo qualcosa di significativo, come tracannare una birra facendomi passare tutta la vita davanti agli occhi. Così andai a birreggiare con un paio di cari amici e già pregustavo il melodramma. La fine del mondo, passeremo la fine del mondo insieme! Esclamai. Uno di loro mi disse: guarda che la fine del mondo era alle undici di questa mattina. Dannazione! Cercai di ricordarmi cosa stavo facendo a quell'ora, sperando quantomeno in qualche bel sogno. No, stavo passando l'aspirapolvere in corridoio. Ho passato la fine del mondo ad aspirare peli di cane.
la-fine-del-mondo

E voi, cosa facevate durante la fine del mondo?
Ora arriverà l'uomo di turno a dirmi che il mondo in realtà non è finito. Mio dio, quanto siete noiosi.

Libri a un euro alla Feltrinelli

Sto comprando un pò di libri nel sito della Feltrinelli, naturalmente lo sconto del 60% di cui vi parlavo nell'altro post non mi è servito ad una ceppa perchè i libri che volevo io erano già scontati di un misero 15%. Non ho potuto fare scorta, il mio solito culo. Questa volta compro nel sito della Feltrinelli e non nel negozio perchè tanto i libri che voglio in negozio non ce li hanno e li devono ordinare, le spese di spedizione sono gratis e quindi faccio molto prima nel sito. Anzi, mi risparmio la fila alle casse.

comprare-libri-online-su-internet

Ho buone notizie per voi: ho trovato diversi libri a un euro che si possono comprare solo online. Saranno stampati sulla carta igienica? Saranno libri invisibili? Eppure non sono ebook. C'è proprio scritto "libri". Quale sarà il trucco?! Fosse un qualunque altro sito sarei certa di beccarmi una fregatura, ma la Feltrinelli è un sito serio e quindi li ho comprati. Appena mi arrivano vi dico. Ho trovato dei libri davvero interessanti tra quelli sottocosto.


Per comprare i libri online nel sito della Feltrinelli che costano pochissimo, alcuni pochi centesimi (?!), dovete prima trovarli. Sono nascosti e ci vuole un bel pò di pazienza per trovare libri che possano interessarci. Fate così: andate sul sito della Feltrinelli, cliccate su "libri". Sul menù a tendina che compare, cliccate sulla voce che vi interessa, per esempio "letteratura italiana" o "letteratura internazionale". Io vi straconsiglio la letteratura internazionale, non so perchè ma non ho trovato un solo libro italiano a meno di un euro che valesse la pena di essere comprato. Adesso, in alto a destra, su "ordina per" selezionate "più econimico". Vi compariranno una marea di libri a pochi centesimi, la maggior parte dei quali bruttissimi o fuori catalogo. Non dovete far altro che sfogliare. Ci vuole pazienza, ma vi garantisco che prima o poi troverete un piccolo tesoro nascosto. Io ho trovato un libro di Yukio Mishima e un libro di Cechov a 85 centesimi! E poi ho preso un paio di libri a caso di cui mi ispiravano i titoli, tanto a quel prezzo se fanno schifo li uso per soffiarmi il naso e ci risparmio pure in fazzoletti.

Invece i libri a prezzo pieno che ho comprato sono:
  • Natzuo Kirino, Real world, prezzo 13 euro
  • Franz Kafka, Un artista del digiuno, prezzo 8 euro
  • Amélie Nothomb, Biografia della fame, prezzo 11 euro
Le abbuffate delle feste devono avermi fatto venir voglia di digiunare, eh? In realtà si tratta di piccoli capolavori che non vedo l'ora di leggere. Riguardo a Natzuo Kirino non vi dico niente per il momento, perchè ho letto solo due suoi libri e potrei aver preso un abbaglio. Forse è un fuoco di paglia, o forse è sbocciato un nuovo amore nel cuoricino morgano e accanto ai miei mostri sacri (Sarah Kane, Sylvia Plath, Virginia Woolf, Isabella Santacroce, Franz Kafka, Yukio Mishima, Fedor Dostoevskij e Milan Kundera) sto per affiancare questa autrice scoperta per caso e di un talento veramente inaspettato.

Comprare libri online prima era impossibile, le spese di spedizione erano un salasso e spesso credendo di risparmiare ti iscrivevi a quelle vendite per corrispondenza che in realtà erano una mera truffa, non farò nomi ma state alla larga da quei cataloghi che vi promettono libri scontati ogni mese, io ci sono cascata DUE VOLTE, alcuni di loro hanno come clausula l'impossibilità di interrompere l'abbonamento prima di un anno e vi ritroverete a casa ogni mese libri schifosi che non sono buoni nemmeno per il caminetto perchè hanno la copertina rigida plastificata e vi riempiranno la casa di diossina. Puah. Ultimamente comprare libri online è diventato più conveniente rispetto ai negozi, perchè le grandi librerie nazionali, tipo la Feltrinelli e IBS, si sono fatte furbe e hanno messo le spese di spedizione gratis da venti euro di spesa in su, semplificando di molto la vita di noi divoratori di libri.  
Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger