Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

23/08/12

Pensavo che

preoccupata
Pensavo che spremere le meningi della creatività fino all'ultima goccia sarebbe stato inconcludente perchè artificiale. Invece, ha tutta l'aria di essere un'attività del tutto normale.  Normale. Che bella parola. Ciò che è molto, molto faticoso è tutto il contorno. Le faccende pratiche, il tempo, il sonno-veglia, l'organizzazione. L'orologio mi sfugge di mano, ho due occhiaie che fanno paura e la cosa più esilarante è che sono fermamente convinta che sarà tutto inutile e non riuscirò a fare tutto in tempo. E allora perchè affannarsi, mi domanda ogni giorno una vocina. Forse perchè senza il mio personale bungee jumping non riuscirei a sentirmi viva.

4 commenti:

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger