Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

01/07/12

Calpestare le formiche

formica
E se tu fossi una formica?
Da piccoli calpestavate le formiche? Certe volte capita di parlarne e pare che tutti, davvero tutti, da bambini, si divertissero a torturare formiche, insetti e piccoli animali. Gli unici che non lo facevano o addirittura si preoccupavano di non intralciare il cammino delle file di laboriose formiche sono pochi pirla con evidenti problemi esistenziali, tipo me.

Una mia amica molto equilibrata, garbata, elegante, leale, fantastica, ha confessato ridendo che da piccina infilava petardi nel culo dei gattini. Un'altra mia amica adorabilmente fuori di testa invece da piccola voleva bene ai piccoli insetti e adesso che è grande vuole bene anche ai piccioni, ci parla, gli dà da mangiare. Bisogna essere poco umani e problematici per non nascere con la voglia di sodomizzare bestiole?


formica
Vorrei che tu fossi una formica.
La mente umana e i suoi istinti crudeli è per me motivo di eterno stupore. Ultimamente ho letto un libro molto illuminante che parla della psicologia del male e spiega, documentando con esperimenti scientifici, che tutti siamo dei potenziali torturatori, tutto dipende dal contesto. Lì per lì mi sono agitata, poi mi sono resa conto che negli esperimenti c'era un bassissimo margine di non efficacia, nel quale nei contesti peggiori le persone si rifiutavano a prescindere di torturare. Secondo me l'autore da bambino calpestava le formiche.


Con questo non voglio dire che i non-calpestatori di formiche siano santi. Per esempio, ho provato un sadico piacere nel leggere la notizia del bambino che è morto ustionato mentre incendiava un formicaio. E questo non è da santi, suppongo. Non è da santi essere attanagliati dall'atroce dubbio che forse non abbiamo il diritto di stabilire che la vita di mille formiche valga meno di una vita umana, che forse vale di più la vita di un toro rispetto a quella del torero, che in fondo anche noi siamo animali ed è pretenzioso crederci più importanti di loro. 




16 commenti:

  1. Io non mi fiderei mai di una persona che bombardava i gattini :s

    PS:

    Wow, non sapevo che il tuo blog funzionasse anche da cellulare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è tra le persone più affidabili che io abbia mai conosciuto, è questo che mi inquieta.
      certo che funziona U.U

      Elimina
  2. Nemmeno io da piccola torturavo le formiche (gli insetti in generale), ma ricordo un'estate, facevo le elementari, in cui chiusi in un barattolo una povera coccinella solo per vedere quanto tempo sarebbe campata con l'aria a disposizione nel barattolo. Ci avevo messo una coccinella, ma poteva essere anche una mosca, se fossi riuscita ad acchiapparla :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. povera coccinella :(
      e quanto ha vissuto? O.o

      Elimina
  3. Cristo ma i bambini non hanno la percezione chiara del valore della vita, dei principi morali etc etc. Io da bambino ho fatto dispetti a gatti, rospi, pulcini. A tre anni ho addirittura gettato un coniglio vivo nel caminetto!! Ricordo bene la mia percezione (strano ma vero): TANTO DEVE ESSERE CUCINATO COSA CAMBIA SE LO BUTTO SUBITO?? :-D Da adulto sono stato iscritto anni alla LAV, ho avuto (e salvato) decine di gatti e 4 o 5 cani. Poi non è detto che tutti i bambini siano stronzi ovviamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sto dicendo che sei un mostro, anzi, i calpestatori di formiche secondo il mio discorso sono persone sane e normali. Ma trovo curioso che quasi tutti i bambini non provino empatia verso l'animale torturato e i pochi che non ce l'hanno, da adulti, si rivelano come minimo strani.

      E' ovvio che i bambini agiscono per istinto e senza il filtro della morale, pare infatti che negli esperimenti di cui parla quel libro, nel momento in cui si toglie "artificialmente" il filtro della morale e dell'obbligo sociale ad un adulto, questo diventa quasi sempre uno spietato torturatore. Per questo mi sembra significativo il torturare gli animali. E' una palese risposta alla domanda: cosa farebbe l'essere umano se potesse fare ciò che gli pare senza conseguenze di alcun tipo? E se la risposta delle formiche ti sembra troppo stupida, c'è la risposta della performance artistica dell'Abramovic: http://it.wikipedia.org/wiki/Marina_Abramovi%C4%87#Rhythm_0.2C_1974

      Trovo tutto questo molto affascinante, a tratti orribile.

      Elimina
    2. Quella tipa è fuori di testa!! :-D Però ci vogliono...XD

      Elimina
  4. Le formiche mi stavano sulle palle e le pestavo con piacere! Specialmente quando mi infestavano il cibo che volevo mangiare M.P.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il dio delle formiche ti punirà facendoti calpestare da un gigante ;)

      Elimina
    2. ....e dopo essere passato sulla merda di un cane :-D

      Elimina
  5. Questa domanda potrebbe essere una delle prime 10 da fare quando conosci una persona...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari dipendesse dalle formiche il fatto che uno sia predisposto ad incularti o meno..

      Elimina
  6. Io non mi ricordo onestamente, forse da piccolina piccolina sì, dalle elementari in poi no invece, pensavo che sarebbero rimaste senza mamma e ci piangevo pure ç__ç (ora mi sono indurita un pò rispetto a quei tempi).
    Certo, sana non ci sono, comunque è normale che l'empatia venga appresa anche tramite queste prove pratiche, sia che sia in eccesso sia che sia in difetto.

    RispondiElimina
  7. Io non mi ricordo onestamente, forse da piccolina piccolina sì, dalle elementari in poi no invece, pensavo che sarebbero rimaste senza mamma e ci piangevo pure ç__ç (ora mi sono indurita un pò rispetto a quei tempi).
    Certo, sana non ci sono, comunque è normale che l'empatia venga appresa anche tramite queste prove pratiche, sia che sia in eccesso sia che sia in difetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oddio le formichine senza mamma! che tenerezza! :O

      Elimina

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger