Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

22/05/12

Manicomi criminali, metodi coercitivi


letto manicomio criminale
Modello esplicativo di un tipico letto usato nel manicomio criminale
I manicomi criminali sono conosciuti per i metodi coercitivi adoperati estremamente disumani che ricordano piuttosto il concetto di tortura. In queste strutture venivano rinchiusi i detenuti che presentavano turbe psichiche. Oggi i manicomi criminali non esistono più, o meglio, hanno cambiato nome: si chiamano ospedali psichiatrici giudiziari e, teoricamente, il loro scopo è curare il detenuto e non torturarlo. Ad ogni modo, è stato approvato un emendamento secondo il quale tutti gli ospedali psichiatrici giudiziari devono chiudere entro il 2013.

Seguono foto di alcuni strumenti (di tortura?) che furono adoperati nei manicomi criminali, esposti nel museo criminologico di Roma.

letto manicomio criminale
Struttura di un letto


camicia di forza
Giubbotto di sicurezza, detto camicia di forza
Giubbotto di sicurezza di tessuto di tela di canapa chiudibile sul davanti e alle estremità delle maniche con cinghie di cuoio, utilizzato in passato nei manicomi come mezzo di contenimento per agitati.

camicia di forza
Altro modello di giubbotto di sicurezza chiudibile posteriormente.

Un altro tipo di camicia di forza.

maschera di tortura
Maschera di cuoio che veniva applicata sulla faccia dei detenuti in modo tale da serrare la bocca ed impedire le grida.

imbracatura
Imbracatura in cuoio da applicare ai detenuti per limitare la possibilità di movimento.

Nessun commento:

Posta un commento

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger