Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

20/05/12

Edward Munch, la violenza del desiderio

Edward Munch, Madonna
Edward Munch Le mani
Edward Munch, Le mani

Tutti associano Edward Munch all'urlo, in pochi conoscono l'opera "Le mani".  E' stata dipinta un anno prima di "Madonna", nel 1893, e in effetti è simile, la posa è quasi la stessa, ma in quest'opera la donna assume un ruolo diverso rispetto alla Madonna e passa in secondo piano, in quanto il vero protagonista di questo quadro è il desiderio maschile. La bellezza di una sorta di venere (il panneggio ricorda la venere di Milo) viene corrotta con violenza dallo sfondo incompleto in cui si affannano sagome di mani. L'espressione del viso è in netto contrasto con la posa, esprime una sorta di rassegnazione. Il dualismo eros e thanatos che tanto ossessiona Munch si frammenta tra figura e sfondo, la donna non è più seduttrice e carnefice, ma diventa carnefice e vittima. "Le mani" sembra un orribile intervallo tra la fanciulla di "Pubertà" e "Madonna".

Per me, "le mani" è tra i quadri più inquietanti di Munch. Forse i libri di storia dell'arte lo ignorano perchè in effetti non è tra i più rappresentativi del pensiero di Munch. Ma a me piace più di molti suoi altri quadri.

edward munch pubertà
Edward Munch, pubertà
Edward Munch, il bacio
Edward Munch, il bacio

Nessun commento:

Posta un commento

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger