Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

17/03/12

Si dice tè o the?

  • Si dice tè o the?  Il termine corretto secondo l'accademia della crusca è . La parola "the" è inappropriata ma parecchio utilizzata, infatti è stata aggiunta a molti dizionari. Scrivere the non è quindi un errore, ma il termine corretto in italiano è tè. Thè invece è sbagliato, così come tea che è inglese, e thea che proprio non esiste.
  • Che differenza c'è tra tè, tisana ed infuso?    La tisana è una soluzione d'acqua impregnata di altre sostanze che possono essere indistintamente foglie, fiori o radici. L'infuso è un tipo di tisana, per prepararlo si utilizzano parti tenere delle piante (foglie o fiori) lasciate in infusione nell'acqua bollente per 2-3 minuti. Un altro tipo di tisana è il decotto nel quale si utilizzano le parti dure e legnose delle piante, per esempio lo zenzero che è una radice. A differenza dell'infuso, nella preparazione del decotto si lasciano bollire gli ingredienti sul fuoco per una quindicina di minuti. Il tè è quell'infuso che contiene la pianta del tè (Camellia sinensis) spesso aromatizzata con spezie o frutta. Quindi il tè può essere definito sia un infuso che una tisana.

  • Qual'è la differenza tra i diversi tipi di tè?  La più importante differenza tra i tè è costituita dal grado di fermentazione, ottenuta da una particolare lavorazione che viene fatta alle foglie dopo la raccolta. Esistono i tè non fermentati (bianco e verde), quelli semifermentati (oolong) e i tè fermentati (nero). Il tè nero ha un sapore più forte e si avvicina maggiormente ai gusti occidentali. Meno fermentato è un tè, più avrà un sapore delicato ed un colore chiaro. Il tè bianco è particolarmente chiaro perché, oltre a non essere fermentato, le sue foglie vengono raccolte appena nate, quando ancora posseggono pochissima clorofilla. 
  • E a me cosa me ne frega?   Francamente non saprei. Nemmeno a me è mai importato un accidente di sapere perché il tè si chiama infuso ma anche tisana e perché non scrivo the invece di tè. Io tracanno e basta. Figurati. Era giusto per passare il tempo.

8 commenti:

  1. la parola inglese è "tea", la parola italiana è "tè"
    "thè" o peggio ancora "the" sono degli orridi francesismi che non userò mai.

    "thea" invece è una parola che si utilizzava in botanica per indicare la pianta del tea ( oggi Camelia )

    ( in inglese non esiste la parola thea... l'ho dovuta cercare nella versione completa del Merriam Webster per trovarne traccia)

    RispondiElimina
  2. ahahahaha Mi fai morire dalle risate.

    RispondiElimina
  3. Tè nero... English breakfast... è da un casino che non me ne sparo una tazza bollente... [sbava compulsivamente...]

    [Vile]

    RispondiElimina
  4. @LittleDash: esattamente. ah, quindi thea esiste. ottimo. ero convinta che non esistesse.
    @Claire: come, una fa dei discorsi importanti a proposito del tè e tu ridi?!
    @Vile: buono col latte e i biscotti al burro, si.

    RispondiElimina
  5. O con le paste che ci sono nella prima foto in alto, lo chiameranno english breakfast per un motivo, ma lo preferisco alle cinque, con una buona fetta di torta, e senza latte

    [Vile, notturnamente schiffarato]

    RispondiElimina
  6. stavo pensando che hai scelto davvero un brutto nickname o.o

    RispondiElimina
  7. "VileDemonSoul HeavenThorne" non è solo un nickname per me, è più un poco simpatico alterego da tirare fuori dal cilindro quando serve, è "una vile anima di demone, un aculeo conficcato nell'essenza stessa del paradiso". Cose da chi ama leggere Baudelaire in una stanza scura.
    P.S.: è un po' che non vedo pio, se la vedi prima tu dalle un abbraccio e falle un dispetto da parte mia
    [Vile]

    RispondiElimina
  8. si, ti capisco, però vedi, non mi sembra molto carino chiamare qualcuno "vile", poi insomma vedi tu XD

    RispondiElimina

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger