Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

15/03/12

Hysteria, un problema comune

hysteria film
Il film Hysteria mi ha fatta morire dal ridere. Ma sono state risate amare, un pò come per il film Qualunquemente. Tra l'altro trovo inquietante che a vincere le primarie del PD a Palermo sia stato un sosia di Cecco La Qualunque, ma vabeh.

L'isteria dilaga, dilaga, dilaga, si nasconde in ogni angolo, in ogni nonnetta nevrotica che ti staccherebbe la testa pur di passare prima di te in posta, in ogni impiegata statale che ti sbraita contro solo perchè ti sei permessa di scomodare la sua quiete rivolgendole una richiesta inerente al suo lavoro, in ogni donna che improvvisa scene degne delle calende greche solo perchè le si è rotta un'unghia, in ogni professoressa che non si limita a rimandare chi non studia ma lo mortifica, gli strilla contro, se potesse lo fustigherebbe in pubblica piazza. Sadismo? Reumatismi? Rughe? No. Isteria.

Ogni fanciulla è una potenziale isterica.
Siamo rovinate. Tutte quante.
Più volte raccomando alla gente di sopprimermi nel momento in cui dovessero manifestarsi i sintomi. Meglio morire piuttosto che vivere a quel modo.

E potete ripetermi fino alla morte che il concetto di isteria è ormai superato. Non è vero, non è vero! Provate ad andare in una merceria affollata, covo di isteriche per eccellenza, guardatevi intorno per una mezzoretta, osservate bene, studiate i loro atteggiamenti, ascoltate le loro urla e mi darete ragione. Le donne frustrate sono mine vaganti pronte ad esploderti in faccia. Del resto è assolutamente comprensibile. Se mi metto nei panni di una donna di mezza età e penso a tutto ciò che le pesa sul groppone, le faccende, le preoccupazioni, lo stress, i figli, i mariti, il lavoro, la religione, la vecchiaia, le rughe, le veline... andiamo, chi non perderebbe il senno? Diventare isteriche è il minimo. Io al loro posto manderei tutto al diavolo e attraverserei la città sui rollerblade in calzamaglia con il mantello di Zorro, una scimmietta in braccio e le tette al vento giusto per capire cosa ci faccio su questo pianeta.

Non so se sarebbe più intelligente tentare di risolvere il problema alla radice e scardinare il dogma comune di ciò che dovrebbe essere una donna, oppure di rattoppare il disastro con soluzioni momentanee, come ad esempio implementare le sedute dal ginecologo con massaggi vaginali obbligatori, come nel film. Temo che si tratti appunto solo di un film e la frustrazione sessuale è solo la punta dell'iceberg delle miriadi di preoccupazioni che schiacciano la psiche di una donna. In ogni caso, tenetevi lontani dalle isteriche e se dovessi diventarlo uccidetemi.

11 commenti:

  1. Una donna che ammette che il genere femminile tende all'isteria... come si fa a non adorarti? :D

    RispondiElimina
  2. È vero è vero, voi donne siete delle vere e proprie bombe ad orologeria, per questo è bello punzecchiarvi ogni tanto (va bene, niente gif animata per fare dispetti a Pio, ma almeno la potresti punzecchiare sui fianchi da parte mia, se la vedi? grazie) (ah, già che ci sono: RACCONTIIIIII XD). Ok la smetto di darti ragioni per mettermi sotto con un camion rubato.
    Comunque non la vedo tanto traumatica sulla vittoria di Ferrandelli, io lo conosco di persona ed è una persona onesta, e per giunta potrebbe essere in grado di vincere le elezioni nonostante si candidi a sinistra (Da paura D:)!

    [Vile]

    RispondiElimina
  3. @Darshan:
    Come si fa a non ammetterlo?! O__O
    @Vile:
    Ma punzecchia tua sorella é_è
    una persona onesta che si occupa di politica è qualcosa che non riesco nemmeno ad ipotizzare, al momento.

    RispondiElimina
  4. Diverso tempo fa pensavo che piantarmi in "quella" casa non fosse l'affare del secolo....ma lo è diventato eccome. Accidenti a te!

    RispondiElimina
  5. La tua fantastica terra purtroppo ne contiene un numero esorbitante di femmine patologicamente contagiate da tale psicosi! (uh, e non solo femmine)

    RispondiElimina
  6. e l'avevo notato *io beduino. Bisognerebbe distribuire benzodiazepine dopo ogni pasto. Hai fatto bene a piantarti come una piantina. Sei il mio piccolo bonsai di baobab, ecco cosa sei.

    RispondiElimina
  7. ahahaha isteria, una parola coniata sul sesso debole (anche di mente a quanto pare xD)...ma davanti alla formazione di una parola di questo tipo è doveroso chiedersi: è la parola che definisce la malattia o la malattia che definisce la parola? ;)
    ps: ma perchè tutti vi lasciate contagiare da sta cazzata di Cetto la Qualunque? E' contro producente amici miei.. ahahhaha :D

    RispondiElimina
  8. che intendi? perchè detta così sembra la stessa cosa XD
    dai su è uguale cazzo, e poi ci son rimasta male, io tifavo per la Borsellino.

    RispondiElimina
  9. Mah... per quanto mi riguarda sono indifferente. basta che non sia salito Faraone... poi Fernandelli o Nonna Papera è lo stesso

    sempre PD

    RispondiElimina
  10. ( Morg? ma il blog ha l'orario dei commenti sballato o è impressione mia? xD )

    RispondiElimina
  11. tu dici? sai che non ci ho mai fatto caso? dev'essere con qualche venerdì di ritardo O.o

    RispondiElimina

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger