Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

14/03/12

Chagall e avanguardie russe a Palermo

Marc Chagall, Il cantico dei cantici
Marc Chagall, Il cantico dei cantici
Camminavo per strada pensando agli affari miei e mi sono ritrovata sul naso un manifesto enorme con il mietitore di Malevic che diceva: avanguardie russe, mostra a Palermo. Tra i vari nomi degli artisti c'era Chagall. Non potevo crederci, ero talmente felice che ho fotografato il manifesto, un pò per ricordarmi l'indirizzo, un pò come quando nei film si fotografano le persone per accertarsi che compaiano in foto e non siano creature sovrannaturali.

avanguardie russe
Avanguardie russe. Mostra a Palermo, Albergo delle povere, Corso calatafimi n. 217. Fino al 20 marzo 2012. 
Me lo ricordo bene, era una sfigata mattina di dicembre, non gli avresti dato una lira a quella mattina, era grigia ed inutile. Ho già visto una mostra tutta dedicata a Chagall ma a Torino e l'idea che Chagall, il mio Chagall, venga a casa mia, nella mia sfigatissima dimora che viene considerata dall'Italia e dal mondo solo per parlare di cibo, mafia e fancazzismo, mi commuove. Evoluzione! Lo sbarco di Chagall a Palermo è il primo passo per l'evoluzione della Terronia. Tutto cambierà.


Purchè tutto rimanga com'è. Caro Tomasi, tu non hai idea di quanto io ti pensi quando impreco. Mi rendo conto che le avanguardie russe non sono fatte solo di Chagall, ma è stata per me una terribile delusione scoprire che di Chagall hanno esposto solo due quadri, per lo più insignificanti. Eccoli.
Marc Chagall, Negozio in Vitebsk
Marc Chagall, Negozio in Vitebsk
Marc Chagall, Il bagno del bimbo
Marc Chagall, Il bagno del bimbo
Mettendo da parte la mia delusione, in fondo si tratta di una bella mostra. Ci sono opere di Kandinsky notevoli, e poi è stato interessante vedere le reinterpretazioni russe del cubismo, dei fauves e di varie avanguardie internazionali. Detto tra noi in alcuni casi mi son sembrati scimmiottamenti un pò ingenui, come nel caso della reinterpretazione del futurismo, andiamo, sembrano bruttecopie mal riuscite. Ma questo pensiero lascia il tempo che trova, è chiaro che non possiamo essere tutti dei giganti come Boccioni o Picasso o Derain o Kandinsky, non per questo si tratta di roba di serie b, i quadri esposti in questa mostra sono comunque opere notevoli nonostante coloro che primeggiavano in queste correnti fossero decisamente altri (fatta eccezione per Kandinsky ovviamente).

Olga Rozanova
Opere di Olga Rozanova

Molto interessanti anche i quadri delle correnti made in Russia, nonostante gran parte del suprematismo (compreso Malevic ahimè) e del costruttivismo non siano di mio gusto è stato affascinante vederli di presenza e cercare di entrare nei loro mondi, il gusto personale è abbastanza marginale in queste cose. Poi ho scoperto tante cose che non avevo mai approfondito, tipo il raggismo, ho scoperto che mi piace.

Larionov testa di toro
Larionov, Testa di toro
Kandinsky, Mosca, piazza rossa

Tutto sommato sono soddisfatta. Brava Palermo, hai fatto una bella cosa :) Solo un piccolo appunto: l'illuminazione faceva veramente veramente veramente schifo. Quasi tutti i quadri erano in controluce e non si vedeva una beneamata minchia, dovevi guardarli da lontano e di traverso per riuscire a distinguere qualcosa. Vabeh, una piccola terronata  ci voleva ed è perdonabile. Brava Palermo ᵔ.ᵔ

L'esposizione dura fino al 20 marzo ed è ospitata presso l'albergo delle povere in corso calatafimi 217 (di fronte il Maria Adelaide).  Gli orari: da lunedì a sabato dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19, domenica e festivi chiuso. Costo biglietto: ingresso gratuito. Brava Palermo brava ᵔ.ᵔ

6 commenti:

  1. Che darei per vedere questa mostra.....forse però riesco ad andare a quella di Dalì a Roma. Come stai, bella mia? Io sto a pezzettoni.....
    Ogni volta che apro questo blog penso che mi manca splinder.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusate se mi intrometto, magari se vai a Roma a vedere Dali' ritrovi anche la mostra delle avanguardie russe (all'Ara Pacis fino al 2 settembre) secondo me e' la stessa, informati

      Elimina
  2. oooh.. fino a quando rimane Dalì a Roma?
    io tutto bene. Come mai a pezzettoni? :(

    RispondiElimina
  3. Fino al 1 Luglio, mi pare.....è una storia lunga, cioè la solita storia. Ormai sono un'esperta di saghe familiari sfigatissime. Mi sono anche decisa ad andare in terapia, avrei dovuto farlo molti anni fa. Speriamo bene.

    RispondiElimina
  4. Se vado da Dalì ti faccio un fischio :)
    in bocca al lupo piccola :*

    RispondiElimina

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger