Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

17/02/12

Stanza da letto in stile en plein air

stanza
Una stanza da letto moderna, così moderna che ha iniziato a parlare. 
Se siete mai stati miei ospiti, avrete notato che vi ho bloccati in cucina senza permettervi di accedere alla mia stanza. Perchè? Cosa nasconde di così compromettente? Da cosa è costituito il mio habitat?
Iniziamo il viaggio (?!) alla scoperta dei misteri della stanza di Morgana. Oooh.  ಠ_ಠ
scrivania
Una scrivania che ha tutto il fascino dell'antico nonchè del defunto. Prego notare la lampada con le zebre
stanzetta
Lì sotto, da qualche parte, dovrebbe esserci il pavimento
Il comodino, inserito SOTTO la scrivania, permette di essere utilizzato al massimo delle sue funzionalità  
Settimino con la vera rivoluzione del cassetto, disposto "en plein air", all'aria aperta
Lì sotto dovrebbe esserci il letto
Armadio en plein air corredato di scaldavestiti felino
La mia stanza è un luogo angusto e non permetto a nessuno di metterci piede. Oltre a vergognarmi dello stato pietoso in cui si trova, ho seri motivi per preoccuparmi dell'incolumità dell'eventuale ospite. Solo dei veri atleti sarebbero in grado di non inciampare e non è tanto per dire. L'altro giorno mi sono entusiasmata per via del bigliettino che ho trovato (ho una stanza parlante!) e ho scattato un pò di foto. Sono venute sfocate e rossicce perchè nella mia stanza non entra la luce del sole e così ho messo una lampada rossa, tanto per valorizzare l'illuminazione da loculo. † Insomma, riflettendoci, è proprio una figata di stanza. Sembra un'accumulazione dadaista. E poi quei cassetti spalancati, quell'armadio che vomita vestiti addosso al gatto, mon dieu, mi sembra di riconoscere dei rimandi impressionisti. Ah, la classe non è acqua. Quando vi capita di accorgervi del disordine ricordatevi che si tratta in realtà di performance artistiche. ◕ ‿ ◕

4 commenti:

  1. Ed io credevo di essere poco ordinato...

    [Vile]

    RispondiElimina
  2. bei tempi, quando la mia stanza era un'opera d'arte equiparabile a questa (io non avevo più il pavimento: dal letto sino alla porta era tutta una distesa di vestiti, quaderni, roba rimasta lì da anni ed io ci camminavo sopra)

    RispondiElimina
  3. E io ci sono entrato! A qualcosa è servita la mia cintura nera di Taekwondo xD a non inciampare su nulla, la visita in effetti è durata solo un paio di minuti ma è stato molto emozionante.

    non ti rischiare a mettere a posto!

    RispondiElimina
  4. stanza polemica..era carino vederti saltare come un leprotto per raggiungere la postazione!

    RispondiElimina

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger