Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

14/02/12

J'adore un chien andalou

Lo conoscono cani e porci, mi pare di parlare dell'ovvio, ad ogni modo Un chien andalou è il cortometraggio più significativo del surrealismo. Fu scritto, prodotto e interpretato da Salvador Dalì e Luis Bunuel nel 1929. Le scene di Un chien andalou, sotto uno sguardo superficiale, possono apparire come un'illogico delirio onirico. In realtà nascondono numerosi simbolismi. Ad esempio la famosa scena in cui il regista taglia l'occhio della donna col rasoio proprio nel momento in cui una nuvola passa attraverso la luna, rappresenta la rivoluzione visiva del surrealismo: in parole povere, l'artista squarcia l'occhio dello spettatore per mostrargli la propria soggettiva visione delle cose, anche a costo di incutere disgusto, timore, inquetudine.

  • Un chien andalou, film completo:


Di un chien andalou mi piace molto la scena in cui lui per rincorrere la donna rimane con la mano incastrata in una porta, e la mano si riempie di formiche. Potete vederla verso il minuto 8,40.

Nessun commento:

Posta un commento

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger