Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

21/09/11

Più lontana della luna



Ci sono persone fatte per vivere, altre fatte per correre. Io faccio parte della seconda categoria. La mia natura vuole che io attraversi i luoghi, gli eventi, il tempo, ogni cosa in groppa ad un cavallo bianco senza fermarmi mai, rincorrendo chissà cosa. Il punto non è cosa rincorro. Il punto è correre, correre, continuare a correre. Quando ho letto "Più lontana della luna" mi sono resa conto di questo meccanismo ed ogni nuovo miraggio  mi è apparso insignificante. Ho iniziato ad ignorare la luce delle stelle che una volta rincorrevo, e ho continuato segretamente a correre, sempre più forte. Se capite cosa intendo, per correre. A che servono le stelle, se tanto in realtà non le vuoi. Corri, continua a correre e infischiatene dove finirai.

13 commenti:

  1. Grazie per il commento :)
    Ehm...però credo che non invidieresti le mie 11 finestre sparse per casa (odio pulire i vetri!).
    E pensare che d'estate tengo le persiane abbastanza chiuse per via della luce: il mio ragazzo dice che sono un pipistrello, o un vampiro, insomma hai capito.
    Riemergo verso l'autunno, col cielo grigio e il clima decisamente più vivibile.

    RispondiElimina
  2. ...dimenticavo le 3 velux nel tetto...

    RispondiElimina
  3. sto morendo d'invidia. io adoro la luce e casa mia, che è affossata nei palazzi e ha pochissime finestre, è buia da morire a tutte le ore, bisogna tenere la luce accesa anche di giorno. sighh.

    RispondiElimina
  4. Capisco..eh bhè a quel punto che te ne fai di un sacco di finestre se intorno a te ci son solo palazzi? Io ho i campi, siamo praticamente al contrario.
    Ad ogni modo, ti dico solo che, se potessi, andrei a vivere nel nord Europa.

    RispondiElimina
  5. Non mi prendi a parolacce se ti dico che la mia stanza è una mansarda al quinto piano ed ultimo piano del mio palazzo e che ho problemi di troppa luce, vero? (e che se c'è luna piena nemmeno le accendo le luci)

    [Vile]

    RispondiElimina
  6. -_-............... il buon dio (?!) dà il pane a chi non ha i denti.

    RispondiElimina
  7. Ah sì, e ti dico pure che ogni tanto salgo sul tetto a starmene lì seduto a guardare il mare da lassù, dato che ho il foro italico a vista e mi trovo alla stessa altezza del palazzo del giornale di sicilia quasi. Uhm... però mi ci vorrebbe un parasole per la mia pelle rimasta bella chiara...

    [Ancora Vile]

    RispondiElimina
  8. francamente ti invidio molto di più per la luce in casa u.u

    RispondiElimina
  9. Mah, la possibilità di farsi i bagni di sole anche in inverno con vista mare non la sottovaluterei, se mai avessi l'intenzione di assumere un color cacchina di cavallo *esecuzione della trollface: perfetta*

    [Indovina un po', è ancora Vile :D]

    RispondiElimina
  10. http://www.youtube.com/watch?v=0O530ZXT1iE&feature=player_embedded

    Questa scena ti si addice! :)

    RispondiElimina
  11. "Dobbiamo andare e non fermarci finchè non siamo arrivati"
    "Dove andiamo?"
    "Non lo so, ma dobbiamo andare"

    [J. Kerouac - On The Road]


    Occhio a non cadere in un buco, che a furia di correre si presta poca attenzione a dove si mettono i piedi :*

    Mimì

    RispondiElimina
  12. :)
    sai quel libro della Mastrocola ha preso il volo due giorni fa. Era nella valigia di una persona a cui l'avevo prestato ma l'ha dimenticata in un parcheggio. Mi piace pensare che questa storia sia finita in buone mani.

    RispondiElimina

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger