Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

24/08/11

Il bidone dell'indifferenziata

Stai poggiando i piedi sul bidone dell'indifferenziata, me ne accorgo dal rumore, mi dicevi. Fissavamo il niente da due diverse prospettive. Avevamo i sensi attenuati dalla vodka. Tutto faceva meno male del previsto. Ridere a dirotto. Piantala di agitare i piedi, mi dicevi. Pensi che te lo porterai in camera, quel bidone? Qual'è la nostra nuova soglia del dolore?

3 commenti:

  1. Non capisco perché ma mi ricorda Revolver 11, sembra quasi uno spezzone fra Angelica e suo marito, anche se non riesco a capire da dove mi parta quest'associazione di idee
    [Vile]

    RispondiElimina
  2. non so cosa c'entra quel numero 11. ad ogni modo non lo capisco nemmeno io, Angelica non ha mai nominato il bidone dell'indifferenziata XDD

    RispondiElimina
  3. Devo aver svarionato riguardo il numero, ogni qualvolta scrivo rischio di tirare fuori un lapsus come un prestigiatore tira conigli fuori dal cilindro. Però ha tuttora un che di santacrociano questo tuo post, anche se il mio cervello non ci arriva ancora a capire cosa

    [Vile]

    RispondiElimina

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger