Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

24/07/11

Pie illusioni



In un ridente giorno di aprile i cassonetti sono spariti e siamo stati invasi da tanti simpatici bidoncini e da un calendario con una bella signora che agita la manina. Che succede? Raccolta differenziata porta a porta a Palermo. Gioia. Incredulità. Ci agitiamo tutti, cerchiamo di capire dove diavolo sistemare i bidoncini. C'è tanta speranza nell'aria mentre ci sforziamo di capire dove cacchio vanno i pacchetti di sigarette, mentre sbucciamo la frutta sull'organico, mentre mettiamo in fila tante bottiglie vuote e ci domandiamo se è il caso di staccare l'etichetta e metterla nella carta. Che gioia. Mi sono sentita evoluta, civile, italiana e non solo siciliana.



Quando vado a trovare la gente noto che butta tutto nello stesso cestino. E così domando: ma la raccolta differenziata non è arrivata quì? No, mi rispondono, perchè, da te come funziona? Ah, beh, sarà questione di tempo, penso. Ultimamente però la mia gioia ha iniziato a scemare. Nelle strade accanto alla mia, strade principali decisamente più importanti rispetto a dove sto io, ancora questa benedetta raccolta porta a porta non è arrivata. Un mio amico che abita in zona di piazza Principe di Camporeale dice che hanno tolto i cassonetti da un pò ma ancora di raccolte porta a porta non se ne parla, e così la gente continua ad ammucchiare la spazzatura per terra, dove prima c'erano i cassonetti.

Ho cercato in internet e ho trovato un articolo di SiciliaInformazioni di marzo che puntualizza che Striscia La Notizia non c'entra assolutamente nulla con la raccolta porta a porta e che era una decisione già presa da tempo. Striscia La Notizia? Mi sono persa qualcosa?  Povero bassotto..

3 commenti:

  1. Io prima facevo la raccolta differenziata a prescindere da questi bidoncini che sono spuntati da qualche mese a questa parte: caricavo in macchina i sacchetti di plastica/vetro/carta e vagavo per la città in cerca dei contenitori della differenziata. Poi gente che mi vedeva far sto lavoro ha iniziato a dirmi "ma che la fai a fare visto che poi i netturbini mettono tutto sullo stesso camion?", ma io non volevo crederci, finchè una triste sera ho visto fare esattamente quanto mi avevano detto: le mie bottigliette di plastica e vetro ripulite da residui vari orrendamente mischiate le une con le altre dentro quel camion lercio. Da allora non la faccio più, anche perchè da quanto ho sentito (ma sono solo rumors non ho nessuna fonte certa) palermo ancora non è dotata di un sistema di "gestione" e smaltimento dei rifiuti differenziati.

    RispondiElimina
  2. "Infine, non esiste da tempo un’emergenza rifiuti."

    O MIO DIO !!! O____O

    RispondiElimina
  3. Paranoid Orchid24 luglio 2011 21:19

    Vivo in una zona centralissima, a pochi passi dal Teatro Massimo, in una strada che collega via Roma a via Maqueda: mai visto nulla del genere. Aggiungerei anche che è tornata una pesante emergenza rifiuti ANCHE IN CENTRO, quindi non oso immaginare le periferie! Bidoni saturi di spazzatura che si riversa anche sulle vie principali. Bah...

    RispondiElimina

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger