Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

01/07/11

Censura Internet


Buongiorno, Italia. Ti piaceva sfottere la Cina per via della ferrea censura. Ti piaceva sentirti superiore, un paese sviluppato, civile, migliore. E invece no! Comincia a dire addio alla libera informazione, alla libertà di pensiero e di espressione. La televisione e i giornali lo hanno già fatto da tempo, il 6 luglio arriverà il turno di Internet. Sei contenta, Italia? Ma non temere! La verità verrà propagata comunque attraverso i segnali di fumo.

Internet è un mezzo potente grazie al quale un'intera nazione è riuscita ad organizzarsi in maniera tale da raggiungere il quorum al referendum, cosa rarissima che non accadeva da tanti tanti anni. In Piazza Politeama, durante i festeggiamenti per i quattro sì, per la prima volta nella mia vita ho sentito un grande orgoglio patriottico. Insieme ce la possiamo fare, ho pensato. Ok, ma se ci tolgono i mezzi per sapere la verità, se ci tolgono la possibilità di comunicare, come possiamo restare uniti? Come possiamo impedire che il nostro paese venga distrutto del tutto?

Internet, l'unico spazio di libertà che ci era rimasto per far valere la democrazia, il sei luglio diventerà un ennesimo burattino. "Quì non c'è differenza tra un reality show e un film d'autore. Quì non c'è Charlie Chaplin, c'è il dittatore."

Qual'è la scusa?
Il diritto d'autore.
E per proteggere il diritto d'autore tu che fai? Oscuri i siti in streaming, oppure censuri qualsiasi cosa, a caso, solo perchè a qualcuno sta sulle palle?

Questa scusa regge quasi quanto quella della guerra in Libia.
Per difendere i diritti umani.
Una tempesta di bombe.
Mi fate schifo.

Cosa possiamo fare? La campagna di mobilitazione democratica che avviene su http://www.sitononraggiungibile.it/ servirà a qualcosa? Chi lo sa. Quel sito, pochi giorni fa, è stato vittima di un pesante attacco informatico che lo ha reso inaccessibile. Attualmente è di nuovo online.

Mossa dopo mossa, nucleare, guerra, privatizzazione dell'acqua, legittimo impedimento, monopolizzazione dei mass media internet compreso.. L'attuale governo si sta inimicando una grossa fetta della popolazione. Chissà chi voteremo alle prossime elezioni.

Nessun commento:

Posta un commento

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger