Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

21/05/11

Vagina dentata per la pace nel mondo

vagina dentata

Tutto è cominciato parlando del famoso film "Denti". Sottolineavo che adoro parlare della vagina dentata di fronte a gruppi di persone per godermi sempre la stessa scena: gli occhi delle donne che brillano di sadismo e gli uomini sofferenti che si portano la mano al pacco. Ecco, la mia amica Ale si è fatta un film mentale troppo bello per non essere condiviso col mondo intero. Ve lo riporto fedelmente.

"L'uomo ha la forza, deve avere un'erezione per riprodursi, una donna no, basta che funziona dentro, se non è consenziente meglio, a lui piace di più quindi se ne viene prima, e quindi la specie si riproduce. Tra l'altro la donna avendo molta meno forza fisica ma più capacità di sopportare, non può sottrarsi al fatto e quindi si riproduce anche se non vuole. Questo ha fatto si che la società si sviluppasse in modo patriarcale.

Ora immaginate se la donna avesse dei denti li: una vera e propria bocca che può chiudere in caso di necessità o per sadomasochismo. Sarebbe tutto diverso, la donna comanderebbe, potrebbe scegliersi come compagno l'uomo più meritevole e quindi non vincerebbe più il più forte, ma il più gentile, buono d'animo, il più cavaliere.. Si riprodurrebbe il più buono. Il mondo si riempirebbe di bontà. L'uomo dovrebbe sottomettersi per poter sfogare le proprie necessità, oppure frocizzarsi (tipo come in carcere), o farsela a mano. Si ragionerebbe più con la mente, il rispetto e le buone maniere e meno con il testosterone.

Invece il mondo è pieno di testosterone e violenza. Perché? Perché scegliamo un concentrato di testosterone e violenza per proteggerci da altro testosterone e violenza.

Più ci penso e più mi viene in mente che siamo state noi, con la nostra idea di "non è stronzo, è scaltro" a permettere che la figura di uomo che possa riprodursi sia quella di colui che manca di rispetto perché è vuoto di cervello ma quando ci tratta male ci dimostra di avere la forza e la capacità di proteggerci in caso di pericolo. Quale pericolo? Aggressioni, rapimenti, furti.. Ah. Ok. Ci scegliamo uno stronzo per proteggerci dagli stronzi mentre mettiamo al mondo l'erede dello stronzo che quindi crescerà stronzo a sua volta. Mhm. Siamo nel terzo millennio e ancora si ragiona con le ovaie.





A***** stava per pestare il carabiniere quando stava per perquisire anche me. Non mi ha perquisita perché per legge può toccarmi solo la collega femmina, però mi hanno potuto controllare la borsa e farmi scendere dall'auto per controllarmi ad occhio, squadrarmi dalla testa ai piedi, e decidere se valeva la pena di portarmi in caserma dalla collega. A***** era la nonchalance in carne ed ossa mentre firmava i moduli del ritiro della patente e parlava con loro dei migliaia di euro della multa, del processo e delle conseguenze, ma ha perso il controllo non appena uno di loro mi ha messo una mano sulla spalla per controllarmi ad occhio.



vagina


In pratica vendiamo la nostra libertà ad un uomo per proteggerci da altri uomini. Scegliamo il meno peggio per una sicurezza nemmeno tanto garantita. Diventiamo mentalmente dipendenti del sesso maschile, e poi schiave del sesso maschile, per paura di un male che nel nostro inconscio è sempre di sesso maschile.

Per quanto dei denti riuscirebbero a proteggere solo l'interno del nostro corpo e il resto sarebbe vulnerabile, penso che comunque ciò rovescerebbe i ruoli. Non sarebbe più il serpente ad essere al centro del mondo. Doniamo la vita e per quanto siamo fisicamente in grado di diffondere amore e pace ci sentiamo sempre impotenti, semplicemente perché qualcuno ci ha insegnato che la forza è la violenza, non la ragione, che l'azione conta più della mente."

vagina

Io la stimo. Basta, ho deciso: vagine dentate per tutti.

9 commenti:

  1. Serie di elucubrazioni alquanto interessanti.
    Non sono sicura tuttavia delle teorie sovraesposte: non so se è per il mio pessimismo, ma ho l'impressione che se la vagina fosse munita di denti probabilmente il mondo avrebbe preso una piega ancora più ipocrita. Gli uomini racconterebbero solo stronzate e magari millanterebbero sincerità - più di quanto già non facciano ora - per avere un rapporto sessuale. Schiere di ipocriti principi azzurri per tutte pronti puntualmente a scaricare e maltrattare non appena viene conseguito il loro fine.
    Non lo so, credo che sia insito nella natura umana la violenza e che il testosterone la fomenti. E' infatti provato che gli stupratori sottoposti alla castrazione chimica o addirittura all'evirazione non perdano minimamente l'istinto di vioelntare e che, non potendolo sfogare tramite il pene, finiscono a diventare ancora più sadici e pericolosi. L'erotismo del resto nasce dalla mente, non dall'organo riproduttivo... per cambiare veramente una persona la si dovrebbe lobotomizzare.
    E' questo che della vostra teoria non mi convice, il fatto che non si possa cambiare la natura di nessuno. E' chiaro che se si dissemina il bosco di tagliole lo scoiattolino sarà costretto a saltare da un ramo all'altro, ma se accidentalmente cadesse per terra, finirebbe lo stesso a rosicchiarsi la zampetta incastrata nella trappola per fuggire via. E' istinto, e con tutte le condizioni ed i paletti che potremmo mettergli, di base non cambierà mai.

    Una cosa riguardo al tuo ultimo commento: non so se ho sempre sbagliato libri o altro, ma della letteratura russa ho per il momento letto "L'idiota" di Dostoevskji e "Il dottor Zivago" di Pasternak [+ "Lolita" di Nabokov, ma lui anche se russo di origini era naturalizzato statunitense, quindi direi che non vale come esempio di letteratura russa] e credimi che in entrambe le letture VOLEVO MORIRE. No davvero, PESANTISSIMI, trama INESISTENTE, pagine sprecate da INFINITI GIRI DI PAROLE INUTILI e tanta ma tanta voglia di TAGLIARMI LE VENE.
    Questo ovviamente non mi ferma davanti ad un'eventuale lettura russa, ma sicuramente mi influenza. Cioè magari alla fine finisco per leggere un libro russo, ma prima di farlo sono molto restia e ci penso molto ma molto bene.

    Un bacio!

    .+*°*+.SHiNE.+*°*+.

    RispondiElimina
  2. P.S: con pesantezza intendo Dostoevskji e Pasternak, non Nabokov che anzi mi è piaciuto moltissimo. Lo dico perchè dal commento non si capiva ù_ù!!

    .+*°*+.SHiNE.+*°*+.

    RispondiElimina
  3. Più stronzate di così? Più ipocrisia di così? Ma dai, Shine, è impossibile XD E poi, considerando che la verità viene sempre a galla e che la vagina è l'ossessione maschile, uno ci penserebbe dieci volte prima di mancare di rispetto ad una donna, altrimenti ogni volta che scopa starebbe sempre col patema d'animo che glielo si stacchi.

    I libri che hai citato non li ho letti e non ho idea di come siano, tranne ovviamente Nabokov. Si, l'avevo capito che non ti riferivi a lui, figuriamoci, Nabokov non potrebbe essere mai e poi mai ritenuto pesante XD Comunque, quelli che ti dicevo io non li trovo affatto pesanti, prova :)

    RispondiElimina
  4. >.<
    alzate di spalle ^^
    E dentatele pure, 'ste vagiaine U_U
    :P

    RispondiElimina
  5. ce l'hai una dentiera del nonno da prestare? XD

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. *pardon se ho rimosso il primo commento, c'è stato un errore strano*

    Forse sarò egocentrica, o troppo arrogante, ma preferirei prendermi a coltellate da sola, piuttosto che far fare ad un uomo ciò che io, a mia volta, non sono disposta a fare: in una rissa o in un'aggressione penso di essere la prima a difendere me stessa. Se poi qualcuno vuol darmi una mano, ben venga, ma io non faccio totale affidamento sugli altri in certe circostanze.

    Però il discorso può essere abbastanza trascenDENTALE! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mah guarda, la penso come te. e poi non ha senso decantare la parità dei sessi se si preclude all'uomo la possibilità di fare la donna.

      Elimina

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger