Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

22/05/11

So che mi stai pensando

So che mi stai pensando. Da 15 minuti. Da 30 minuti. Mi pensi. Lo sento. Voglio sia così. Tu innamorato di me. Non sono un'amante o qualsiasi cosa tu voglia. Indecifrabile emozione e nient'altro. Mi stai leggendo e c'è musica. Il tuo cane distrugge un'intimità serale che tieni in mano. Sono tra le pagine. Sempre più fragile e leggera. Soffia e vedrai la mia Fred Perry cadere ai tuoi piedi. Penetrati senza inibizioni di parole che ho scritto con una Staedler tedesca. I momenti di maggiore abbandono sono per me rari ed intensi ed entrarmi dentro non basta. Ti sto scrivendo. Possedendo quello che mi va. Posso farlo. Questo rende la mia debolezza arma potente. Penso al romantico come a qualcosa di estremamente violento. Violento. L'odore della carta che stai tirando picchia sul tuo palato. Mi vorresti presente, libera dai miei sogni, ma non sono altro che un'impalpabile emozione, una dislessica professionista del nulla.
Isabella Santacroce, Destroy

7 commenti:

  1. io ti penso u.u quindi torna da piooooo!!! e trova il carica batterie che ho ricaricato la scheda (grazie a miao Y_Y)
    ''pio''

    RispondiElimina
  2. *_* bellissimo questo libro e bellissima la foto; e bello il fatto che sembra che il polso sinistro e la spalla siano uniti dal tatuaggio.
    baci
    Lint.

    RispondiElimina
  3. La vecchia Santacroce è qualcosa di indescrivibile. Destroy, Luminal, Fluo... fa uno strano effetto rileggersi tutto questo e poi vedere come si è evoluta, da V.M.18 a Lulù. Vera mi ha detto che l'anno scorso, alla presentazione del suo ultimo libro, Isabella aveva parlato del prossimo... aveva promesso mille pagine. Chissà come sarà. Una cosa è certa, la nostalgia che viene nel trovarsi faccia a faccia col suo vecchio stile.

    RispondiElimina
  4. @pio
    T.T pioooooooooooo pio pio pio pioooooooooo

    @Lint
    francamente la tipa della foto ha una faccia da culo notevole. ma mi piaceva la macchina da scrivere, le sigarette e le tazze di caffè.

    @Requiem
    già. guarda, io voglio essere ottimista e mi auguro che mi stupisca in meglio. perchè se tira fuori mille pagine in stile vm18 mi sparo. lulù delacroix era già un pò meglio, seppur a tratti un attimino banale aveva degli sprazzi della nostra vecchia Isabella... che tristezza. Ma forse la capisco anche, ad un certo punto ci si stufa di esporsi.

    RispondiElimina
  5. ahahha non ho detto che è bella.
    Ahaahhhaahhaahahah è solo bello il fatto che il tatuaggio sembra unito!!
    Lindt.

    RispondiElimina
  6. Uh sì, ricordo quanto ti aveva delusa V.M.18... non so, io avevo pensato che fra tutte quelle orge, violenza fine a sé stessa e robe varie ci fosse qualche messaggio nascosto, quindi ho passato giorni e giorni a rimuginarci sopra. Lulù... sai che non mi sembrava neanche lei, a momenti? o___O Magari il libro nuovo prenderà questa piega. Però cazzo, quanto mi manca il suo vecchio stile T___T Ho consumato Fluo a forza di rileggerlo. Nonostante questo continuo ad apprezzare tutto quello che scrive...

    RispondiElimina
  7. @Cioccolatinadelmiocuore:
    Ah, ecco, volevo ben dire. Mi sono sempre domandata se quello era proprio il tuo cognome o se è finto e te lo sei scelta per... non mi ricordo ma c'era una canzoncina che si chiamava tipo come il tuo cognome.

    @Requiem:
    Ecco, io oltre che rimuginarci c'ero rimasta così di merda che.. ma non riprendiamo il discorso vm18 che mi innervosisco inutilmente >.< Dicono tutti che si sia venduta diventando cibo per bimbiminkia. Chissà se è vero.

    Morgana

    RispondiElimina

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger