Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

21/05/11

L'infelice destino di Giunone il salmone

salmone


Mentre mangiavo del salmone al forno sono stata colpita da un moto di tristezza. Povero salmone, che destino triste ha avuto. Almeno lo yogurt ha potuto nascondersi ma tu, piccolo mio, sei il più sfortunato di tutti i pesci.

Dovete sapere che i salmoni hanno per loro natura un destino infelice. Nascono, crescono, poi impiegano tutte le loro energie per risalire le cascate. Lì, esausti, inseminano le uova senza nemmeno accoppiarsi come Dio comanda e poi crepano. Ma il mio salmone, che per comodità chiamerò Giunone, era diverso da tutti gli altri. Lui amava l'oriente. Passava le giornate a fantasticare sulle arti marziali, a leggere, a disegnare fiori di loto e a masturbarsi immaginando geishe. Un giorno i suoi amici salmoni gli dissero che era arrivato il momento tanto atteso: gnocca per tutti! Risaliremo le cascate, spiegò entusiasta un salmone, e lassù troveremo tanti salmoni femmina ad attenderci! Ma Giunone scosse il capo. No, miei cari fratelli, io scelgo un'altra strada. Ho deciso di diventare sushi, annunciò. Gli altri salmoni rimasero a bocca aperta ed iniziarono a boccheggiare, non tanto per lo stupore, ma piuttosto per una loro naturale abitudine. Gli diedero del pirla, dopodichè lo salutarono agitando le pinne e si avviarono entusiasti verso le cascate.

salmone


Giunone aveva stabilito che la vita di un pesce nulla era in confronto al meraviglioso mondo delle geishe e, proprio come il suo amato Mishima, volle suicidarsi. Almeno da morto le avrebbe avute. Non avendo una spada a sua disposizione per praticare il Seppuku, si uccise lanciandosi in una rete da pesca. Un attimo prima di morire, disse al pescatore: voglio diventare sushi per essere mangiato dalle geishe.

Ma un imprevisto, un terribile imprevisto che mai Giunone si sarebbe aspettato rovinò tutti i suoi piani: il pescatore non capiva il pescese! E così il cadavere di Giunone, invece di essere degustato dalle sue amate geishe, finì cotto in un banalissimo forno occidentale e mangiato dalla sottoscritta. Mi viene da piangere.    

6 commenti:

  1. ahahahahahahah xD adesso mi è venuta voglia di salmona ._. cristo santo morg!!! potevi almeno andare a tavola vestita da geisha!!!
    ''pio''

    RispondiElimina
  2. "Cristo santo morg, potevi almeno andare a tavola vestita da geisha"
    Commento epico.

    RispondiElimina
  3. Ma... ma... ma T___T
    Non so se ridere o piangere per la triste sorte del salmone. Dici di scrivere trashate, ma mantieni sempre quel bellissimo stile che ti prende e ti fa entrare nella narrazione, e non so... meno male che il salmone non mi piace ç____ç Ecco Morghy, al supermercato non guarderò più i salmoni con gli stessi occhi di prima è____è

    RispondiElimina
  4. oh ma era solo il mio Giunone ad essere diverso, gli altri salmoni puoi mangiarli con gusto perchè, nonostante abbiano un tragico destino, sono pur sempre dei cretini che risalgono le cascate solo per la gnocca XD

    minchia che stile narrativo, merito il premio nobel per la letteratura quando parlo di cibo XD

    RispondiElimina
  5. Ormai... :'(

    [sì comunque, e non ero ironica v___V]
    :*

    RispondiElimina
  6. uahhahhahaha e vedrai quando parlerò dell'esasperazione dei cupcakes, diventerà un bestseller XD

    RispondiElimina

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger