Zucchero Nero
PortfolioArteLibriDiarioContatti

26/05/11

Il pacco di David Bowie, parliamone

David Bowie
Non avevo mai visto nemmeno una locandina di Labyrinth prima di guardarlo, me l'avevano passato in un dvd ed era uno tra tanti elenchi di titoli, neanche sapevo che ci fosse Bowie. Dunque, immaginatevi la mia faccia nel momento in cui, in un film che aveva tutta l'aria di essere un fantasy per bambini, appare questo cattivone così strafigo, vestito, truccato e pettinato così bene. Folgorata, ero folgorata.

David Bowie in Labyrinth


David Bowie in Labyrinth
Ma il peggior sconvolgimento l'ho provato nel momento in cui gli hanno inquadrato la calzamaglia. Sono rimasta a bocca aperta, mi si è staccata la mandibola e ha iniziato a rotolare giù per le ridenti colline di morganolandia. Forse sono l'unica sulla faccia della terra a pensare che le calzamaglie stiano divinamente agli uomini.

Ad ogni modo, quel giorno è cominciato il mio viscerale amore nei confronti di Bowie e non si è mai spento. La gente ci rimane di sasso quando dopo avermi sentita dichiarare amore eterno nemmeno riconosco le sue canzoni e ricordo a stento i titoli. Come se fosse la sua musica ad interessarmi. Lol.

4 commenti:

  1. tu stai male.CURATI!!!!

    RispondiElimina
  2. Ma quale male, ma quale curati, io ti capisco perfettamente HAHAHAHHA già ero in fissa con Bowie prima di vedere il film....e quando l'ho visto ho avuto la tua stessa reazione lol

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, meno male che non son l'unica, va XD

      Elimina

Template and contents © Zucchero Nero • Powered by Blogger